Un grazie a mons. Oliosi per il suo ministero a S. Toscana

Rettoria di S. Toscana Verona

Una Voce Verona Sezione San Pietro Martire ha inviato una lettera che è stata pubblicata sul settimanale diocesano per ringraziare mons. Gino Oliosi, rettore della chiesa dove del 1994 si celebra in città la messa tridentina. Mons. OIiosi ha lasciato la rettoria per altro incarico alla fine di luglio.

Vogliamo con questa lettera, cogliere l’occasione a nome di “Una voce Verona” (associazione per la salvaguardia della messa tridentina) di ringraziare pubblicamente mons. Oliosi per il ministero svolto in questi due anni a S. Toscana. A lui dobbiamo l’abbellimento del sagrato e il restauro dell’altare della Madonna, ma soprattutto nel periodo di sua permanenza, un incremento di presenze di fedeli alla Messa delle 11 e nel contempo un aumento delle comunioni e delle confessioni. Lo accompagniamo al suo nuovo incarico che sarà sicuramente fruttuoso. Nel frattempo a S. Toscana stiamo attendendo la nomina del nuovo rettore, e per questo ci affidiamo al nostro vescovo, sua Eccellenza Mons. Zenti che saprà sicuramente dare continuità all’opera portata avanti in questi due anni da mons. Oliosi e confermare S. Toscana quale riferimento per molti fedeli veronesi che seguono la Messa di San Pio V. Noi da parte nostra come unica associazione presente a S. Toscana, siamo pronti ad accogliere il nuovo rettore e a curare come fatto fin qui il servizio liturgico, affinché sempre più fedeli si avvicinino all’antica messa, per il bene della Chiesa e per l’edificazione delle anime. Infine prendiamo distanza da certi gruppi pseudo-tradizionalisti ribadendo la nostra piena comunione con la Chiesa in continuità con la tradizione bimillenaria della stessa. Affidiamo le nostre preghiere a Maria Santissima, madre della Chiesa e madre nostra.

 Michele Corezzola
Segretario di Una voce Verona

Cfr. «Verona Fedele», 1° settembre 2013

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e taggata come , , . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

I commenti sono stati chiusi.