Nel trigesimo di Giamberto Scorzon

Il 1° ottobre 2018 alla chiesa di S. Canziano a Padova è stata cantata una Messa per trigesimo di Giamberto Scorzon, per le cure del Comitato San Canziano pro Missa Tridentina (cfr. qui). Prima del l’assoluzione è stato il seguente ricordo.

Dopo una grave malattia sopportata con eroica pazienza e con incrollabile fede, il professor Giamberto Scorzon circondato dall’affetto dei suoi cari, sostenuto e corroborato dai conforti religiosi, ha reso l’anima al suo Creatore con la fede e la speranza nella salvezza che ogni creatura è chiamata ad avere.

Doverosa è questa solenne preghiera di suffragio che i membri del comitato pro missa e i fedeli della nostra chiesa di S. Canziano offrono per quest’anima preziosa che per più di tre decenni si è spesa per la celebrazione della messa secondo il messale del 1962.

Il professor Scorzon, nello spirito proprio e più autentico della tradizione, con la forza che gli veniva dalla preghiera e dall’abbandono alla Provvidenza divina, sentendo sfiorire le forze, decise di trasmettere il testimonio della messa di S. Canziano confidando nel celeste aiuto e dando a piene mani fiducia al neo-costituito comitato cui aderì, e che sostenne aprendo financo le porte della sua casa con paterna benevolenza.

E’ in questa sede che con infinita gratitudine e mal celata commozione, siamo a rendere a Giamberto Scorzon il saluto che egli merita, con la messa che egli ha voluto ininterrottamente celebrata, con le parole che nei secoli sempre hanno risuonato nei luoghi della fede dei padri, e che nella miseria dell’umana condizione, sempre sono state di monito e di sicuro conforto.

Così come ci ha preceduto e insegnato la strada della tradizione cattolica, assicurandoci la celebrazione dei divini misteri e in particolare del sublime Sacrificio di nostro Signore, anche in questa vita ci ha mostrato e insegnato la centralità dei valori di pertinacia e sobrietà cui era indiscutibilmente uso.

Lo affidiamo inoltre specialmente alla Gran Madre di Dio Maria Santissima, e in particolare alla Vergine di Pompei che in questa Chiesa è venerata, di cui egli stesso voleva che fosse acceso sempre il lume, perché con la sua potente intercessione possa assicurarlo alla visione beatifica.

Cfr. Coordinamento di Una Voce delle Venezie unavoce-ve.it

Pubblicato il Senza categoria | Taggato come , | Commenti disabilitati su Nel trigesimo di Giamberto Scorzon

Domenica 7 ottobre a Venezia Messa solenne del Rosario

Chiesa di S. Simon Picolo, Venezia

Il giorno 7 ottobre 2018, prima domenica di ottobre e festa del Rosario della beata Vergine Maria, ore 11 alla chiesa di S. Simon Piccolo a Venezia (Messe tridentine a Venezia) padre Dimitri Artifoni fssp, novello sacerdote, canterà la Messa solenne. Sarà possibile ricevere la benedizione dal padre Dimitri e lucrare l’indulgenza plenaria alle solite condizioni.

Pubblicato il Eventi | Taggato come , | Commenti disabilitati su Domenica 7 ottobre a Venezia Messa solenne del Rosario

Dedicazione di S. Michele Arcangelo 2018

San Michele Arcangelo Protettore di Una Voce

Tibi mille densa míllium
Ducum coróna mílitat;
Sed éxplicat victor crucem,
Míchaël salútis sígnifer.

 

29 Settembre. Terzo delle Calende di Ottobre.

Bianco. SabatoDEDICAZIONE DI SAN MICHELE ARCANGELO, doppio di 1ª classe.

MESSA propria, Gloria, Credo, Prefazio comune, ultimo Vangelo di san Giovanni.

 

In monte Gargáno venerábilis memória beáti Michaëlis Archángeli, quando ipsíus nómine ibi consecráta fuit Ecclésia, vili quidem facta schémate, sed cælésti præstans virtúte.

NOVE INVOCAZIONI
ALL’ARCANGELO MICHELE
PROTETTORE
DELL’ASSOCIAZIONE UNA VOCE

1. O Beato Michele, Preposto del Paradiso, la cui voce levò nei Cieli la prima lode di Dio, insegnateci la vera orazione, che è lode perenne della gloria di Dio.

2. O Beato Michele, Messaggero della Santissima Trinità, insegnateci a seguirne con prontezza e abbandono le adorabili ispirazioni.

3. O Beato Michele, Principe delle Milizie Celesti, che nel presagio della Incarnazione apriste la lunga battaglia tra il Cielo e l’Inferno, insegnateci a condurre sulla terra quella stessa battaglia, per i meriti di Colui che s’incarnò per noi.

4. O Beato Michele, latore al sublime altare del Padre della Divina Vittima dei nostri altari, insegnateci l’adorazione perfetta della Santissima Eucaristia.

5. O Beato Michele, Cavaliere della Santissima Vergine, insegnateci a portare sempre in cuore il nome e l’immagine della vostra Celeste Signora.

6. O Beato Michele, Patrono della Chiesa Cattolica, insegnateci a professarne con assoluta purezza l’irreformabile dottrina.

7. O Beato Michele, Diacono delle Liturgie Celesti, insegnateci a custodire e tramandare con fedelissimo amore le nostre sante liturgie terrestri, che ne sono lo specchio e la figura.

8. O Beato Michele, Custode delle anime dei Giusti, otteneteci dal Signore di addormentarci nel segno della fede confessata dai nostri padri e di essere suffragati con i riti della nostra mirabile tradizione.

9. O Beato Michele, Corifeo dei Nove Cori Angelici, consentiteci di unire sino da questa vita il nostro gaudio al loro gaudio senza fine, dicendo ad una voce: Sanctus, Sanctus, Sanctus, Dominus Deus Sabaoth, pleni sunt cæli et terra majestatis gloriæ tuæ, hosanna in excelsis.

 

Pubblicato il Senza categoria | Commenti disabilitati su Dedicazione di S. Michele Arcangelo 2018

Padova, 1° ottobre 2018 Messa per il trigesimo di Giamberto Scorzon

Chiesa di S. Canziano (S. Rita), Padova

Il 1° ottobre 2018 alle 18 a Padova, chiesa di S. Canziano (S. Rita), sarà cantata una Messa di requiem seguita dalla assoluzione al tumulo nel trigesimo del prof. Giamberto Scorzon, mancato il 30 agosto dopo lunga malattia.

Giamberto Scorzon era socio della sezione veneziana, il suo nome resta legato indissolubilmente alla celebrazione della Messa tridentina a S. Canziano, di cui fin dal 1990 fu promotore e organizzatore. Una Voce Italia partecipa al lutto.

Pubblicato il Eventi | Taggato come , , | Commenti disabilitati su Padova, 1° ottobre 2018 Messa per il trigesimo di Giamberto Scorzon

Merato, Varia genera Missarum. Missa Romana. Missa, seu Liturgia Ambrosiana

Novae aliae Additiones, et Observationes ad praefatam Rubricam [Missa quotidie dicitur secundum ordinem Officii], et Gavanti Comment. in quibus referuntur, et explicantur varia genera Missarum, quarum aliquae adhuc frequentantur; aliae vero non sunt amplius in usu. Rursus aliquae sunt praeceptae; aliquae vero tantum permissae; aliquae etiam ab Ecclesia proscriptae.

XIX. Postquam multa a nobis in praecedentibus Observationibus adnotata sunt de Missae praesertim antiquae Sacrificio; et iterum multa pariter dicenda remanent de hodiernae Missae partibus, Vestibus, Ritibus, et Caeremoniis: idcirco ut omnibus a nobis dicenda, operae pretium ducimus brevi, et clara methodo nonnulla Missarum genera in his Praenotionibus Liturgicis proponere, et explanare.

Primum Missarum genus, seu distinctio repetenda est ex parte Auctorum, aut Nationum praesertim Occidentalium, a quibus eaedem Liturgiae fuerunt institutae, seu frequentatae: hujusmodi autem sunt Missa, seu Liturgia Romana, Ambrosiana, Gallicana, Mozarabum, seu Mozarabica, Africana, Hibernica, Clementina, seu S. Clementis, Dionysiana, seu S. Dionysii Areopagitae, Patriarchina, seu Aquilejensis, Illyrica, seu Sclavonica, Trevirensis, seu S. Simeonis Syracusani, Illyriciana, et Bobiensis.

XX. MISSA ROMANA est illa, quae ut superius diximus, auctorem sui praecipuum S. Petrum Apostolorum Principem recognoscit, et quae nunc est in usu apud omnes fere Occidentales Ecclesiae, et cujus celebrationem uno eodemque modo Latinae peragunt Ecclesiae. Hujus Romanae Liturgiae triplex status, seu ordo, considerandus occurrit, ut optime advertit Joannes Mabillon lib. 1. cap. 2. de Liturgia Gallicana num. 4. Unus primigenius, qui ab Ecclesiae nascentis exordio usque ad Gelasium fuit receptus. Alter Gelasianus, qui Auctorem, seu potius amplificatorem habuit Gelasium Papam hujus nominis primum. Tertius est ille, qui Gregorianus dicitur ex nomine Gregorii Magni, qui Gelasianum ordinem coarctavit, correxit, et in meliorem formam redegit. Hic ultimus Missae Romanae ordo adhuc apud omnes fere Occidentales Ecclesias in usu est. Ordo Gelasianus, qui a tempore sui auctoris usque ad Gregorium Magnum perseveravit, et in aliquibus Ecclesiis, ut verisimile videtur, aliquanto post, deinde diu delituit; sed tandem unicum, quod supererat hujus ordinis exemplar nongentis annis vetustius, Romanis typis commissum fuit, et publici juris factum, ut superius diximus, summa pietate, et studio, numquam satis commendati nostri Venerab. Cardinal. Thomasii. Ordo vero purus, putusque Gelasianus a me ille putatur, quem clarissimus Blanchinius supralaudatus nuperrime vulgavit in 4. tom. Anastasii Bibliothecarii editionis Vaticanae, et de quo supra mentionem fecimus. Qualis autem fuerit primigenius hujus Romanae Liturgiae status, seu ordo, difficillime ob temporis injuriam constare potest, cum antiquior Codex, qui modo extet, praefati ordinis Missae Romanae sit Gelasianus mox memoratus, caeteri vero perierint. Hoc unum tamen certum est (et praefatus Thomasius advertit in sua praefatione) Romanae Ecclesiae Sacramentorum Codicem, qui Gelasii olim appellatione donatus fuit, non esse integrum ejusdem Pontificis opus; sed Leoni Magno, magna ex parte, ejusque Praedecessoribus Roman. Pontificibus, praesertim vero D. Petro, ut superius numer. XV. conmonstravimus, ceu primo Conditori, qui ejusdem ordinis prima fundamenta jecit, tribuendum esse (1). Qui plura de Romanae Liturgiae origine, Ritibus et ordine scire desiderat, adire poterit Card. Bona de Rebus Liturgicis lib. 1. cap. 7. et 8. Mabillon de Liturgia Gallicana lib. 1. cap. 2. § 4. 5. et 6. Grancolas de antiquis Liturgiis pag. 400. Le Brun tom. 2. diss. 2. art. 3. Edmundum Martene lib. 1. de antiquis Ecclesiae Ritibus art. 51. in quo expositionem Missae Romanae ante annos nongentos scriptam refert.

XXI. MISSA, SEU LITURGIA AMBROSIANA, et quae etiam Mediolanensis dicitur, est illa, quam Walafridus Strabo ante annos octingentos lib. de Rebus Eccles. cap. 22. D. Ambrosio Mediolanensis Ecclesiae Antistiti adscribit his verbis: Ambrosius Mediolanensis Episcopus, tam Missae, quam caeterorum dispositionem Officiorum suae Ecclesiae, et aliis Liguribus ordinavit; quae et usque hodie in Mediolanensi tenentur Ecclesia. Joseph vero Vicecomes lib. 1 de Ritibus Missae cap. 22. tueri conatur Ritus Ecclesiae Mediolanensis a Sancto Barnaba Apostolo institutos fuisse, a B. Miroclete juxta Apostolicam institutionem auctos, a Beato vero Ambrosio eosdem Ritus illustratos, amplificatus, et meliorem in ordinem redactos; ideoque Ambrosianos post ejus obitum vocitari coepisse. In eamdem sententiam videtur abire Le Brun tom. 2. dissert. 3. art. 1. in quo erudite disserit de Historia hujus Liturgiae. Primae tamen Strabonis sententiae consentit Mediolanensis Ecclesia, et totius Italiae traditio, a qua sine evidenti ratione, ut ait Card. Bona, recedendum non est. Verum quicumque talis Liturgiae institutor fuerit, id pro certo habendum est etiam ipsam fuisse mutationibus obnoxiam, ut colligi potest ex diversis Missalibus illius Ecclesiae, diversis temporibus editis, nempe anno 1560. jussu S. Caroli Mediolanensis Archiepiscopi; anno 1594. jussu Caspari praefatae Ecclesiae Mediolanensis Archiepiscopi; et anno 1640. jussu Caesaris Montii ejusdem Metropolitanae Ecclesiae Archiepiscopi, et S. R. E. Cardinalis; et recentissime anno 1712, moderante praefatam Ecclesiam Josepho Archinto S. R. E. Cardinali. Praedictorum diversitatem, et mutationem referunt Edmundus Martene lib. 1 de antiquis Ecclesiae Ritibus Ordine III. necnon laudatus Le Brun citat. loc. Ordo antiquus vero praefatae Missae Ambrosianae in lucem editus fuit a Pamelio inter sua Liturgica Latinorum, anno 1571. Rursus praeter mox allegatos Auctores de Ritibus, ordine, et Historia hujus Missae, tractant Mabillon, lib. de Liturgia Gallicana cap. 2. num. 8. Grancolas de antiquis Liturgiis a pag. 77. usque ad pag. 400. Card. Bona lib. 1. de Rebus Liturgic. cap. 10. Beroldus qui floruit circa annum Domini 1123. in suo Opere MS. quod caute asservatur in Archivio ejusdem Metropolitanae Mediolanensis Ecclesiae, et de quo mentionem faciunt Joannes Petrus Puricellus in sua eruditissima Dissertatione Nazariana cap. 97. Le Brun, et Vicecomes loc. supracit. De mystico sensu Rituum Ambrosianorum librum edidit Carolus Settala Episcopus Tortoniensis idiomate Italico. Rationale vero Caeremoniarum ejusdem Missae Ambrosianae, et modum eam celebrandi edidit Petrus Casola Canonicus Mediolanensis Ecclesiae.

____________

(1 ) XV. Gav. ead. lit. d – Petrus ordinem praescripsit, Jacobus evulgavit. Contra eos, qui asserunt Jacobum primam Missam Jerosolymis celebrasse, docet hic Gavantus Petrum Apostolorum Principem, omnium primum Missae ordinem praescripsisse; Jacobus vero postea evulgasse (p. 23). [NdR]

Cfr. G. M. Merato, Novae Observationes ad Gavanti Commentaria 1, 19-21, in Thesaurus Sacrorum Rtuum auctore Rev. Patre D. Bartholomaeo Gavanto Congr. Cler. Reg. S. Pauli S. R. C. Consultore etc. cum novis Observationibus, et Additionibus R. P. D. Cajetani-Mariae Merati Clerici Regularis, ejusdem Sacrae Rituum Congregationis Consultoris. Editio novissima … Tomus primus complectens omnia Gavanti Commentaria in Rubricas Missalis Romani, Venetiis, ex Tipographia Balleoniana, 1792, pp. 28-29.

Pubblicato il Senza categoria | Taggato come , | Commenti disabilitati su Merato, Varia genera Missarum. Missa Romana. Missa, seu Liturgia Ambrosiana

22 settembre 2018 Messa tridentina al Santuario del Tresto (Ospedaletto Euganeo)

Santuario di S. Maria del Tresto a Ospedaletto Euganeo il 22 settembre 2018

Sabato 22 settembre 2018 alle 10 al Santuario di S. Maria del Tresto a Ospedaletto Euganeo (Padova) sarà celebrata la Messa tridentina per onorare la Beata Vergine a 550 anni dal suo transito terrestre al Tresto presso Este il 21 settembre 1468. La sacra funzione è organizzata dal Coetus Fidelium Maria Regina Familiae di Este.

Pubblicato il Eventi | Taggato come , | Commenti disabilitati su 22 settembre 2018 Messa tridentina al Santuario del Tresto (Ospedaletto Euganeo)

Una Voce Notiziario 67-69 ns

Bollettino trimestrale UNA VOCE Associazione per la salvaguardia della liturgia latino-gregoriana Luglio 2017 – Maggio 2018 N. 67-69 Nuova Serie.

uvn67-69ns

Pubblicato il Notiziario | Commenti disabilitati su Una Voce Notiziario 67-69 ns

Pellegrinaggio alla S. Croce di Lazfons organizzato da Una Voce Bolzano

Pellegrinaggio alla Santa Croce di Lazfons il 28 luglio 2018

Sabato 28 luglio 2018 alle 8 pellegrinaggio alla S. Croce di Lazfons (Latzfonserkreuz), organizzato da Una Voce Bolzano per l’approfondimento della fede. Alle 11 al Santuario, che a 2296 metri è il più alto d’Europa, sarà celebrata la Messa in rito romano antico. Per informazioni chiamare +393381702367.

Pubblicato il Eventi | Taggato come , | Commenti disabilitati su Pellegrinaggio alla S. Croce di Lazfons organizzato da Una Voce Bolzano

San Pietro e Paolo Patroni dell’Alma Urbe 2018

29 Giugno. Terzo delle Calende di Luglio.
+ Rosso. Venerdì (sono permesse le carni). SANTI PIETRO E PAOLO APOSTOLI, 
Patroni principali dell’Alma Urbe, doppio di prima classe con Ottava privilegiata di III ordine.
MESSA propria, Gloria, Credo, Prefazio degli Apostoli, Ite, Missa est, ultimo Vangelo di san Giovanni.
Dell’Ottava si fa la commemorazione a tutte le Messe, anche dei doppi di prima e seconda classe.

Romae natális sanctórum Apostolórum Petri et Pauli, qui eódem anno eódemque die passi sunt, sub Neróne Imperatóre. Horum prior, in eádem Urbe, cápite ad terram verso cruci affíxus, et in Váticano juxta viam Triumphálem sepúltus, totíus Orbis veneratióne celebrátur; postérior autem, gládio animadvérsus, et via Ostiénsi sepúltus, pari honóre habétur (Martyrologium Romanum).

O Roma felix, quæ duórum Príncipum
Es consecráta glorióso sánguine!
Horum cruóre purpuráta céteras
Excéllis orbis una pulchritúdines.

V). Annuntiavérunt ópera Dei.
R). Et facta ejus intellexérunt.

                                                                          Oratio

Deus, qui hodiérnam diem
Apostolórum tuórum Petri et Pauli
martýrio consecrásti : da Ecclésiæ
tuæ, eórum in ómnibus sequi
præcéptum; per quos religiónis
sumpsit exórdium. Per Dóminum.

Pubblicato il Calendario | Commenti disabilitati su San Pietro e Paolo Patroni dell’Alma Urbe 2018