27 maggio 2024 San Filippo Neri (traslato da ieri)

De excélso misit ignem in óssibus meis, et erudívit me.

 

27 Maggio sesto delle Calende di Giugno

Lunedì

Nell’Alma Urbe e nel suo Distretto

San Filippo Neri Confessore (da ieri)

Doppio di seconda classe. Paramenti bianchi. Messa «Cáritas Dei» come nel Messale il 26 maggio.
Commemorazione dei santi Giovanni I, Urbano I ed Eleuterio Papi e Martiri e di san Beda il Venerabile Confessore e Dottore della Chiesa. Si dice il Credo.

 

Die  26  Maji

S.  Philippi  Nerii  Conf.

Duplex II classis

Introitus                                                                                                    Rom. 5, 5

CÁritas Dei diffúsa est in córdibus nostris per inhabitántem Spíritum ejus in nobis. Ps. 102, 1. Benedic, ánima mea, Dómino : et ómnia, quæ intra me sunt, nómini sancto ejus. V). Glória Patri. Cáritas.

Oratio

DEus, qui beátum Philíppum Confessórem tuum Sanctórum tuórum glória sublimásti : concéde propítius; ut, cujus sollemnitáte lætámur, ejus virtútum proficiámus exémplo. Per Dóminum.

Et fit Commemoratio Ss. Joannis I, Urbani I et Eleutherii Pp. et Mm. :

Oratio

BEatórum Mártyrum paritérque Pontificum Joánnis, Urbáni et Eleuthérii nos, quaésumus, Dómine festa tueántur : et eórum comméndet orátio veneránda. Per Dóminum.

Deinde Commemoratio S. Bedæ Venerabilis Conf. et Eccl. Doct. :

Oratio

DEus, qui Ecclésiam tuam beáti Bedæ Confessóris tui atque Doctóris eruditióne claríficas : concéde propítius fámulis tuis; ejus semper illustrári sapiéntia et méritis adjuvári. Per Dóminum.

Léctio libri Sapiéntiæ
Sap. 7, 7-14

OPtávi, et datus est mihi sensus : et in vocávi, et venit in me spíritus sapiéntiæ : et præpósui illam regnis et sédibus, et divítias nihil esse duxi in comparatióne illíus : nec comparávi illi lápidem pretiósum : quóniam omne aurum in comparatióne illíus aréna est exígua, et tamquam lutum æstimábitur argéntum in conspéctu illíus. Super salútem et spéciem diléxi illam, et propósui pro luce habére illam : quóniam inexstinguíbile est lumen illíus. Venérunt autem mihi ómnia bona páriter cum illa et innumerábilis honéstas per manus illíus, et lætátus sum in ómnibus : quóniam antecedébat me ista sapiéntia, et ignorábam, quóniam horum ómnium mater est. Quam sine fictióne dídici et sine invídia commúnico, et honestátem illíus non abscóndo. Infinítus enim thesáurus est homínibus : quo qui usi sunt, partícipes facti sunt amicítiæ Dei, propter disciplínæ dona commendáti.

Graduale. Ps. 33, 12 et 6. Veníte, fílii, audíte me : timórem Dómini docébo vos. V). Accédite ad eum, et illuminámini : et fácies vestræ non confundántur.

Allelúja, allelúja. V). Thren. 1, 18. De excélso misit ignem in óssibus meis, et erudívit me. Allelúja.

+ Sequéntia sancti Evangélii secúndum
Lucam                      Luc. 12, 35-40

IN illo tempóre : Dixit Jesus discípulis suis : Sint lumbi vestri præcíncti, et lucérnæ ardéntes in mánibus vestris, et vos similes homínibus exspectántibus dóminum suum, quando revertátur a núptiis : ut, cum vénerit et pulsáverit, conféstím apériant ei. Beáti servi illi, quos, cum vénerit dóminus, invénerit vigilántes : amen, dico vobis, quod præcínget se, et fáciet illos discúmbere, et tránsiens ministrábit illis. Et si vénerit in secúnda vigília, et si in tértia vigília vénerit, et ita invénerit, beáti sunt servi illi. Hoc autem scitóte, quóniam, si sciret paterfamílias, qua hora fur veníret, vigiláret útique, et non síneret pérfodi domum suam. Et vos estóte paráti, quia, qua hora non putátis. Fílius hóminis véniet.

Credo.

Offertorium. Ps. 118, 32. Viam mandatórum tuórum cucúrri, cum dilatásti cor meum.

Secreta

SAcrifíciis præséntibus, quaésumus, Dómine, inténde placatus : et præsta; ut illo nos igne Spíritus Sanctus inflámmet, quo beáti Philíppi cor mirabíliter penetrávit. Per Dóminum … in unitáte ejúsdem.

Pro Ss. Joanne, Urbano et Eleutherio                             Secreta

ADésto, Dómine, supplicatiónibus nostris, quas in Sanctórum tuórum commemoratióne deférimus : ut, qui nostræ justítiæ fidúciam non habémus, eórum qui tibi placuérunt, méritis adjuvémur. Per Dóminum.

Pro S. Beda                                                                          Secreta

SAncti Bedæ Confessóris tui atque Doctóris nobis, Dómine, pia non desit orátio : quæ et múnera nostra concíliet; et tuam nobis indulgéntiam semper obtíneat. Per Dóminum.

Præfatio communis.

PEr ómnia saécula sæculórum.
R). Amen.
V). Dóminus vobíscum.
R). Et cum spíritu tuo.
V). Sursum corda.
R). Habémus ad Dóminum.
V). Grátias agámus Dómino Deo nostro.
R). Dignum et justum est.

VEre dignum et justum est, æquum et salutáre, nos tibi semper, et ubíque grátias ágere : Dómine sancte, Pa­ter omnípotens, ætérne Deus : per Christum Dómi­num nostrum. Per quem majestátem tuam láudant An­geli, adórant Dominatiónes, tremunt Potestátes. Cæli cælorúmque Virtútes, ac beáta Séraphim, sócia exsul­tatióne concélebrant. Cum quibus et nostras voces ut admítti júbeas, deprecámur, súpplici confessióne di­céntes :

Sanctus, Sanctus, Sanctus, Dóminus Deus Sábaoth. Pleni sunt cæli et terra glória tua. Hosánna in excélsis.

Benedíctus qui venit in nómine Dómini. Hosánna in excélsis.

Communio. Ps. 83, 3. Cor meum et caro mea exsultavérunt in Deum vivum.

Postcommunio

CÆléstibus, Dómine, pasti delíciis : quaésumus; ut beáti Philíppi Confessóris tui méritis et imitatióne, semper éadem, per quæ veráciter vívimus, appetámus. Per Dóminum.

Pro Ss. Joanne, Urbano et Eleutherio                            Postcommunio

QUaésumus, Dómine, salutáribus repléti mystériis : ut, quorum sollémnia celebrámus, eórum oratiónibus adjuvémur. Per Dóminum.

Pro S. Beda                                                                       Postcommunio

UT nobis, Dómine, tua sacrifícia dent salútem : beátus Beda Conféssor tuus et Doctor egrégius, quaésumus, precátor accédat. Per Dóminum.

Pubblicato il Calendario | Commenti disabilitati su 27 maggio 2024 San Filippo Neri (traslato da ieri)

19 maggio 2024 Pentecoste


Veni, Sancte Spíritus, reple tuórum corda fidélium; et tui amóris in eis ignem accénde.

 

19 Maggio decimo quarto delle Calende di Giugno

Domenica di Pentecoste

Doppio di prima classe con Ottava privilegiata di I Ordine. Paramenti rossi. Messa «Spíritus … replévit … allelúja». Stazione a S. Pietro.

 

DOMINICA   PENTECOSTES

 Duplex I classis cum Octava privilegiata I Ordinis

Statio ad S. Petrum

Introitus                                                                                                  Sap. 1, 7

SPíritus Dómini replévit orbem terrárum, allelúja : et hoc quod cóntinet ómnia sciéntiam habet vocis, allelúja, allelúja, allelúja. Ps. 67, 2. Exsúrgat Deus, et dissipéntur inimíci ejus; et fúgiant, qui odérunt eum, a fácie ejus. V). Glória Patri. Spíritus.

Oratio

DEus, qui hodiérna die corda fidélium Sancti Spíritus illustratióne docuísti : da nobis in eódem Spíritu recta sápere, et de ejus semper consolatióne gaudére. Per Dóminum … in unitáte ejúsdem.

Léctio Actuum Apostólorum
Act. 2, 1-11

CUum compleréntur dies Pentecóstes, erant omnes discípuli páriter in eódem loco : et factus est repénte de cælo sonus, tamquam adveniéntis spíritus veheméntis, et replévit totam domum ubi erant sedéntes. Et apparuérunt illis dispertítæ linguæ tamquam ignis, sedítque supra síngulos eórum : et repléti sunt omnes Spíritu Sancto, et cæpérunt loqui váriis linguis, prout Spíritus Sanctus dabat éloqui illis. Erant autem in Jerúsalem habitántes Judæi, viri religiósi ex omni natióne, quæ sub cælo est. Facta autem hac voce, convénit multitúdo, et mente confúsa est, quóniam audiébat unusquísque lingua sua illos loquéntes. Stupébant autem omnes, et mirabántur, dicéntes : Nonne ecce omnes isti, qui loquúntur, Galilaéi sunt? Et quómodo nos audívimus unusquísque linguam nostram, in qua nati sumus? Parthi, et Medi, et Ælamítæ, et qui hábitant Mesopotámiam, Judaéam, et Cappadóciam, Pontum, et Asíam, Phrýgiam, et Pamphýliam, Ægýptum, et partes Líbyæ, quæ est circa Cyrénen, et ádvenæ Románi, Judaéi quoque, et Prosélyti, Cretes, et Arabes : audívimus eos loquéntes nostris linguis magnália Dei.

Allelúja, allelúja. V). Ps. 103, 30. Emítte Spíritum tuum, et creabúntur; et renovábis fáciem terræ. Alleluja. (Hic genuflectitur.) V). Veni, Sancte Spíritus, reple tuórum corda fidélium; et tui amóris in eis ignem accénde.

Sequentia

VEni, Sancte Spíritus, et emítte caélitus lucis tuæ rádium.

Veni, Pater páuperum; veni, dator múnerum, veni, lumen córdium.

Consolátor óptime, dulcis hospes ánimæ, dulce refrigérium.

In labóre réquies, in æstu tempéries, in fletu solátium.

O lux beatíssima, reple cordis íntima tuórum fidélium.

Sine tuo númine, nihil est in hómine, nihil est innóxium.

Lava quod est sórdidum, riga quod est áridum, sana quod est sáucium.

Flecte quod est rígidum, fove quod est frígidum, rege quod est dévium.

Da tuis fidélibus, in te confidéntibus, sacrum septenárium.

Da virtútis méritum, da salútis éxitum, da perénne gáudium. Amen. Allelúja.

¶ Et dicitur quotidie usque ad sequens Sabbatum inclusive.

+ Sequéntia sancti Evangélii secúndum
Joánnem               Joann. 14, 23-31

IN illo témpore : Dixit Jesus discípulis suis : Si quis díligit me, sermónem meum servábit, et Pater meus díliget eum, et ad eum veniémus, et mansiónem apud eum faciémus : qui non díligit me, sermónes meos non servat. Et sermónem, quem audístis, non est meus : sed ejus, qui misit me, Patris. Hæc locútus sum vobis, apud vos manens. Paráclitus autem Spíritus Sanctus, quem mittet Pater in nómine meo, ille vos docébit ómnia, et súggeret vobis ómnia, quæcúmque díxero vobis. Pacem relínquo vobis, pacem meam do vobis : non quómodo mundus dat, ego do vobis. Non turbétur cor vestrum, neque formídet. Audístis quia ego dixi vobis : Vado, et vénio ad vos. Si diligerétis me, gauderétis útique, quia vado ad Patrem : quia Pater major me est. Et nunc dixi vobis priúsquam fiat : ut cum factum fúerit, credátis. Jam non multa loquar vobíscum : venit enim princeps mundi hujus, et in me non habet quidquam. Sed ut cognóscat mundus, quia díligo Patrem, et sicut mandátum dedit mihi Pater, sic fácio.

Credo. 

Offertorium. Ps. 67, 29-30. Confírma hoc, Deus, quod operátus es in nobis : a templo tuo, quod est in Jerúsalem, tibi ófferent reges múnera, allelúja.

Secreta

MÚnera quaésumus, Dómine, obláta sanctífica : et corda nostra Sancti Spíritus illustratióne emúnda. Per Dóminum … in unitáte ejúsdem.

Præfatio, Communicántes et Hanc ígitur propria.

PEr ómnia saécula sæculórum.
R). Amen.
V). Dóminus vobíscum.
R). Et cum spíritu tuo.
V). Sursum corda.
R). Habémus ad Dóminum.
V). Grátias agámus Dómino Deo nostro.
R). Dignum et justum est.

VEre dignum et justum est, æquum et salutáre, nos tibi semper, et ubíque grátias ágere : Dómine sancte, Pater omnípotens, ætérne Deus : per Christum Dómi­num nostrum. Qui ascéndens super omnes cælos, sedénsque ad déxteram tuam, promíssum Spíritum Sanctum hodiérna die in fílios adoptiónis effúdit. Quoprópter profúsis gáudiis, totus in orbe terrárum mundus exsúltat. Sed et supérnæ Virtútes, atque angélicæ Potestátes, hymnum glóriæ tuæ cóncinunt, sine fine dicéntes :

Sanctus, Sanctus, Sanctus, Dóminus Deus Sábaoth. Pleni sunt cæli et terra glória tua. Hosánna in excélsis.

Benedíctus qui venit in nómine Dómini. Hosánna in excélsis.

Communio. Act. 2, 2 et 4. Factus est repénte de cælo sonus, tamquam adveniéntis spíritus veheméntis, ubi erant sedéntes, allelúja : et repléti sunt omnes Spíritu Sancto, loquéntes magnália Dei, allelúja, allelúja.

Postcommunio

SAncti Spíritus, Dómine, corda nostra mundet infúsio : et sui roris íntima aspersióne fœcúndet. Per Dóminum … in unitáte ejúsdem.

Pubblicato il Calendario | Commenti disabilitati su 19 maggio 2024 Pentecoste

Alfredo Ildefonso Schuster, La Veglia sacra di Pentecoste

LA VEGLIA SACRA DI PENTECOSTE

Il rito vigiliare della Pentecoste, giusta il tipo originario romano, constava, come nella notte pasquale, di dodici lezioni scritturali. Queste venivano ripetute tanto in greco che in latino, ed erano intercalate dal canto delle Odi profetiche e delle collette pontificali. San Gregorio però ridusse le letture soltanto a sei, il qual numero fu conservato intatto, anche quando, nel secolo viii, in seguito alle influenze del Sacramentario Gelasiano ritornato a Roma con onore durante il periodo franco, le lezioni della grande vigilia di Pasqua furono nuovamente riportate al primitivo numero simbolico di dodici.

La prima lezione di questa notte corrisponde perciò alla terza della veglia pasquale e ci descrive il sacrificio d’Abramo. Isacco si offri in olocausto, ma non perdé la vita sull’ara, perché il Signore fu soddisfatto del suo pio proposito e lo costituì padre d’un popolo sterminato. Così Gesù non rimase vittima della morte nel sepolcro, ché il Padre lo richiamò a vita gloriosa il terzo giorno, e lo costituì primogenito dei redenti e capo dell’immensa famiglia. degli eletti.

_____________

Le collette che seguono le letture sono quelle stesse del Sacramentario Gregoriano: solo però che l’ultima è fuori di luogo, giacché originariamente essa veniva recitata dopo il salmo 42, il quale così poneva termine alla vigilia propriamente detta. La colletta invece che seguiva da principio la lezione sesta di Ezechiel, è andata in disuso, per negligenza degli amanuensi.

Dopo la prima lettura il sacerdote prende la parola, e recita la colletta seguente: «O Signore, che nell’atto di fede energica praticato da Abramo, hai offerto un esempio al genere umano; ci concedi altresì di dissipare la malizia della nostra volontà, e di compiere sempre rettamente i tuoi precetti. Per il Signore, ecc.».

La seconda lezione corrisponde alla quarta della veglia di Pasqua. Il suo significato ci viene dichiarato dalla seguente splendida colletta:

Preghiera. – «O Dio, che mediante i fulgori del nuovo patto disvelasti il mistero che si celava nei prodigi compiuti negli inizi della creazione; cosicché il Mar Rosso esprime il tipo del sacro fonte, ed il popolo liberato dalla schiavitù d’Egitto preannunzia il sacro mistero del popolo cristiano; deh! fa che tutte le nazioni ammesse a partecipare dei privilegi concessi già ad Israele pel merito della loro fede, siano altresì rigenerate alla dignità di tuoi figli, mercé la partecipazione del tuo divino Spirito, Per il Signore, ecc.».

La terza lezione corrisponde all’undecima della vigilia pasquale e fa da introduzione alla grande Ode del Deuteronomio, che nella Sinagoga faceva precisamente parte dell’ufficiatura sabbatica. Segue poi questa bella preghiera:

«O Dio, gloria dei tuoi fedeli e vita dei giusti, tu che per mezzo del tuo servo Mosè mediante il canto del sacro Carme ti proponesti per iscopo il nostro ammaestramento, deh! compi ora l’opera della tua misericordia verso tutti i popoli; ci concedi la vita beata, allontana da noi il terrore; affinché quello che era stato minacciato in senso di condanna, ridondi adesso in rimedio onde conseguire l’eternità. Per il Signore, ecc.».

La quarta lezione col suo cantico d’Isaia corrisponde all’ottava della vigilia pasquale.

La preghiera seguente ne illustra a meraviglia il devoto senso: «O Dio eterno ed onnipotente, che per mezzo dell’unigenito Figlio tuo dimostrasti d’essere tu stesso il coltivatore della tua Chiesa; mentre nella tua bontà, d’ogni tralcio che reca frutto nel medesimo tuo Cristo, il quale è la vera vite, tu ti prendi sollecita cura, perché fruttifichi copiosamente; deh! non permettere che le spine dei peccati ricoprano i tuoi fedeli, quelli cioè che, al pari d’un vigneto, tu trasferisti d’Egitto in grazia del fonte battesimale; affinché, santificati ed agguerriti dal tuo Spirito, rechino frutto copioso di buone opere. Per il medesimo Signore, ecc.».

La quinta lezione corrisponde alla sesta di Pasqua. Segue questa colletta: «O Dio, che per bocca dei Profeti ci hai comandato di spregiare le cose transitorie e di tener dietro alle eterne; ci concedi la forza di adempiere quanto sappiamo che tu ci hai prescritto».

La lezione sesta corrisponde alla settima di Pasqua. Segue questa graziosa colletta: «O Signore, Dio di fortezza, che risollevi ciò che è abbattuto, e dopo d’averlo risollevato lo conservi; deh! accresci il numero dei popoli che debbono essere rigenerati nel tuo santo nome; onde quanti verranno ora mondati mercé il sacro lavacro, siano sempre indirizzati al bene delle tue ispirazioni. Per il Signore, ecc.».

Quest’orazione, che ha uno spiccato carattere battesimale, da principio precedeva immediatamente il canto delle litanie che si eseguiva «discendendo» in processione al battistero. Diciamo discendendo, giacché tale è la terminologia della rubrica conservata tuttavia nel messale. Quanto poi alla sua origine primitiva, giova ricordarlo: giacché il battistero lateranense ed il vaticano erano più o meno al medesimo livello delle due basiliche, è possibile che questo discendere debba forse originariamente riferirsi a qualche battistero cimiteriale, per esempio, nel cimitero di Priscilla, dove realmente si sono ritrovati parecchi battisteri sotterranei.

 

Alla processione verso il Battistero.

Discendendo al fonte Battesimale si canta come nella vigilia pasquale, il salmo 41: «Siccome cervo, ecc.» pag. 63.

[«Come il cervo anela alla fonte d’acqua, così l’anima mia è sitibonda di te, o Signore».

v). «L’anima mia è assetata del Dio vivente; quando anderò e comparirò innanzi a Dio?».

v). «Le lagrime furono di giorno e di notte il mio cibo, mentre mi si ripeteva continuamente: dov’è il tuo Dio?».]

Discesi al fonte, si procede alla sua benedizione.

v). «Il Signore sia con voi».
r). «E col tuo spirito».
v). «Preghiamo».
Preghiera. – «Fa, o Signore Onnipotente, che celebrando noi ora la solennità in cui ci fu concesso in dono lo Spirito Santo, accesi da celesti desideri, accorriamo, sitibondi, al fonte della eterna vita. Per il Signore, ecc.».

L’anafora consacratoria delle acque battesimali, le cerimonie, i riti dell’iniziazione cristiana, tutto è conforme alla veglia pasquale.

Dopo il battesimo si risale nella basilica a celebrare la messa vigiliare. Essa è priva d’introito. L’antico inno mattutinale: gloria in excelsis segue immediatamente la litania, la quale termina questa notte l’ufficio notturno, e viene così ad essere riportata alla sua funzione primitiva, che era appunto quella di servire da canto di transizione, tra la Vigilia notturna e il divin Sacrificio.

La preghiera è di carattere battesimale: «Risplenda su di noi, o Dio onnipotente, il tuo fulgore, e lo Spirito Santo rischiari col raggio del tuo lume i cuori di coloro che testé sono stati rigenerati alla tua grazia». – Questo lume è la fede, sono i carismi interiori dello Spirito Santo, il quale praticamente ci dà il senso delle cose di Dio.

Segue la narrazione (Act. xix, 1·8) del battesimo e della cresima amministrata dall’Apostolo in Efeso a dodici degli antichi discepoli di Giovanni Battista.

E’ a notarsi, giusta i migliori esegeti, che il battesimo amministrato nel nome di Gesù, come si esprime talvolta san Luca negli Atti degli Apostoli, non indica necessariamente che gli Apostoli – in virtù d’un privilegio personale, siccome ha pensato san Tommaso – amministrassero il Sacramento della rigenerazione non ritenendo della formola trinitaria insegnata loro dal divin Maestro, che il solo
nome di Gesù; ma vuol solo significare che in opposizione al battesimo di Giovanni, il battesimo colla formola trinitaria è precisamente quello istituito da Gesù, e che c’incorpora spiritualmente a lui.

S’invoca la Santissima Trinità nel Battesimo, a denotare che, in grazia di questo Sacramento, il divin Padre ci eleva alla dignità di suoi figliuoli d’adozione; Gesù ci unisce cosi intimamente a sé, che diveniamo mistiche membra del suo stesso corpo; lo Spirito Santo poi discende in noi e ci comunica la vita divina quale conviensi ai figli di Dio, ai fratelli di Gesù, ed alle membra del suo corpo mistico.
Il culto perfetto della Santissima Trinità è dunque la prima conseguenza dell’iniziazione cristiana, ed ecco perché subito dopo l’ottava di Pentecoste la sacra liturgia celebra una festa solenne in onore dell’Augustissima Triade, il mistero centrale di tutta la teologia cristiana.

Segue il salmo alleluiatico 106, come per la veglia pasquale.

Al Vangelo non si recano i soliti candelabri, perché la cerimonia si svolgeva di notte, quando l’ambone era tuttavia rischiarato dal grande cereo (Eucharistia lucernaris), benedetto ed acceso dal diacono al tramontare del sole del sabato precedente, allorché incominciava l’ufficio vigiliare. L’uso deriva dalla Sinagoga, ed è stato descritto altrove. Oltre i Greci, anche gli Ambrosiani ed il clero mozarabico di Toledo conservano tuttavia l’ufficio del lucernario, il quale precede quotidianamente il canto del vespero.

Il Vangelo (Giov. xiv, 15-21) è tutto sulla venuta dello Spirito Santo, e sull’ufficio suo di consolatore e di maestro delle anime nella via della verità. Gesù chiama il Paraclito Spirito di Verità, ad indicare che egli non solo procede dal Padre, ma procede altresì dal Verbo, la verità del Padre, il quale dice perfettamente il Padre; tanto che san Luca, negli Atti degli Apostoli, lo chiama semplicemente lo Spirito di Gesù. E’ noto che i Greci scismatici negano questa processione d’amore del Paraclito dal Padre e dal Figlio, come da un unico principio spirante, il che è contro il manifesto insegnamento del Vangelo – Egli riceverà del mio – e dei Santi Padri così orientali come occidentali. La Chiesa per più secoli mise in opera ogni mezzo, concilii ecumenici, apologisti, legazioni, per richiamare i Greci all’unità cattolica, ma tutto fu invano. Quando però il peccato contro lo Spirito Santo raggiunse la sua ultima misura, la giustizia di Dio non tardò a colpire la Chiesa e l’impero bizantino. Il giorno di Pentecoste del 1453 l’esercito di Maometto II penetrò a Costantinopoli, e vi trucidava l’imperatore, il patriarca, il clero e gran numero di popolo affollato in Santa Sofia. Riempita di stragi quella splendida basilica giustinianea, che per circa nove secoli fu testimone di tante perfidie contro la fede cattolica, venne convertita in una moschea turca.

Nell’anafora, giusto l’uso tradizionale romano, s’inserisce la commemorazione dell’odierna festa, che si ripete pure durante l’intera ottava di Pentecoste. «Gesù, asceso che fu al più alto dei cieli ed assiso alla tua destra, in questo giorno diffuse sopra i tuoi figli di adozione quello Spirito divino che Egli aveva loro promesso. Laonde ne esulta e tripudia l’intera umanità, sparsa su tutta la faccia del globo».

E la terra se giubila, ne ha ben ragione. E’ appunto lo Spirito Santo quello che trasmuta intrinsecamente ed eleva il Cristiano alla dignità di Figlio di Dio. Egli, il fedele, è tale, non per una imputazione giuridica ed esterna, come è l’adozione fra gli uomini, ma perché Dio gli partecipa la propria vita, la propria santità per mezzo del suo stesso divino spirito.

Anche all’inizio dei dittici Apostolici si fa menzione del mistero della Pentecoste: «Celebrando noi il giorno sacratissimo di Pentecoste, nel quale lo Spirito Santo apparve sugli Apostoli in forma di innumerevoli fiammelle … ».

Nella preghiera sacerdotale che raccomanda a Dio gli oblatori e pone termine alla prima parte dei dittici, – prius ergo oblationes commendandae sunt, scrisse papa Innocenzo I nella famosa lettera a Decenzio di Gubbio – si fa memoria dei neofiti ammessi questa notte al battesimo ed alla confermazione, e che conseguentemente nella messa dovranno partecipare per la prima volta della Sacra Eucaristia: «Noi ti offriamo quest’oblazione del nostro sacerdozio a nome ancora del tuo popolo Santo, e particolarmente di coloro che ti sei degnato di rigenerare nell’acqua battesimale e nello Spirito Santo, accordando loro il perdono di tutti i peccati … ».

Il verso offertoriale è derivato dal salmo 103: «Tu invierai il tuo Spirito, ed essi saranno tratti all’essere. Tu allora rinnoverai la faccia della terra. Sia gloria al Signore per tutti i secoli».

La creazione non meno della redenzione è un atto di amore da parte di Dio, ed in questo senso si attribuisce allo Spirito Santo, che appunto la Genesi descrive aleggiante sulle acque caotiche. Era Dio, che amando fecondava questa materia primordiale, e ne traeva i vari gradi delle creature. Nel Testamento Nuovo poi la venuta dello Spirito Santo ha dato anima al corpo della Chiesa, la quale cosi ha potuto iniziare la sua missione in continuazione di quella di Gesù.

Nella colletta sulle oblate oggi supplichiamo il Signore a gradirle, e pei meriti del Sacrificio lo supplichiamo a purificare col fuoco del Paraclito il cuore nostro da tutte le sozzure del vizio. Il Paraclito è amore, ed al fuoco dell’amore tutto si distrugge; onde disse Gesù di Maria di Magdala: «Siccome ha amato molto, le viene altresì perdonato molto».

L’antifona della Comunione è assai bene appropriata alla circostanza. Il grido di Gesù nell’ultimo giorno della solennità dei Tabernacoli, quando cioè i sacerdoti andavano ad attingere l’acqua alla fonte di Siloe, viene ripetuto oggi che appunto ricorre l’estrema festa del ciclo pasquale. L’acqua della grazia, di cui discorre qui Gesù, simboleggia lo Spirito Santo, e più particolarmente le onde battesimali da lui fecondate. E’ questa la cagione per cui la Chiesa latina amministra solennemente il battesimo anche nella Vigilia di Pentecoste.

Nella colletta dopo la Comunione supplichiamo il Signore che il suo Spirito venga a purificare coi suoi ardori di amore, di penitenza e di fervido zelo le nostre macchie. Né ci devono spaventare queste fiamme destinate a corrodere il vizio e a purificare lo spirito. Il Paraclito ce le rende dolci, perché al tempo stesso ci dà il dolce refrigerio della rugiada delle sue consolazioni. Quella rugiada interiore che feconda i fiori e i frutti santi.

 

Cfr. A. I. Schuster, Liber Sacramentorum. Note storiche e liturgiche sul Messale Romano – IV. Il Battesimo nello Spirito e nel fuoco (La Sacra Liturgia durante il ciclo Pasquale), Torino-Roma, Marietti, 1930, pp. 147-152.

Pubblicato il Senza categoria | Taggato come , , , | Commenti disabilitati su Alfredo Ildefonso Schuster, La Veglia sacra di Pentecoste

LEX ORANDI, LEX CREDENDI, LEX VIVENDI. Ritiro condotto da dom Cassian Folsom osb a Lentiai (Belluno)

Dal 15 al 18 Luglio 2024 presso la Casa di spiritualità Stella Maris ed Eremo di S. Donato a Lentiai (Belluno) si svolgerà il ritiro estivo LEX ORANDI, LEX CREDENDI, LEX VIVENDI condotto da dom Cassian Folsom osb, fondatore del Monastero di S. Benedetto in Norcia, con meditazioni e lezioni di canto gregoriano a cura di Maria Silvia Roveri.

Il ritiro è organizzato dalla Comunità Demamah – Associazione privata di fedeli (S. Giustina, Belluno).

Sono aperte le iscrizioni fino a esaurimento posti entro il 30 giugno 2024.

Per informazioni e iscrizioni: info@demamah.it tel. +39 339 2981446.

Pubblicato il Eventi | Taggato come , , , , | Commenti disabilitati su LEX ORANDI, LEX CREDENDI, LEX VIVENDI. Ritiro condotto da dom Cassian Folsom osb a Lentiai (Belluno)

L’11 maggio 2024 a Roma Messa per il ritorno della festa dell’Ascensione

Sabato 11 maggio 2024 alle 18:30 alla chiesa della Ss.ma Trinità dei Pellegrini in Roma l’associazione Una Voce Italia fa celebrare una Messa in rito tridentino secondo la seguente intenzione: che in Italia ritorni festa civile l’Ascensione il giovedì quaranta giorni dopo la risurrezione di Gesù, e sia abrogata l’infausta legge 5 marzo 1977, n. 54.

Pubblicato il Eventi | Taggato come , | Commenti disabilitati su L’11 maggio 2024 a Roma Messa per il ritorno della festa dell’Ascensione

Giovedì 9 maggio 2024 Ascensione

Viri Galilaéi, quid admirámini aspiciéntes in cælum? allelúja : quemádmodum
vidístis eum ascendéntem in cælum, ita véniet, allelúja, allelúja, allelúja.

 

9 Maggio settimo delle Idi

Giovedì

Ascensione del Signore

Doppio di prima classe con Ottava privilegiata di III Ordine. Paramenti bianchi. Messa «Viri Galilaéi». Stazione a S. Pietro.

 

IN  ASCENSIONE  DOMINI

 Duplex I classis cum Octava privilegiata III Ordinis

Statio ad S. Petrum

Introitus                                                                                                  Act. 1, 11

VIri Galilaéi, quid admirámini aspiciéntes in cælum? allelúja : quemádmodum vidístis eum ascendéntem in cælum, ita véniet, allelúja, allelúja, allelúja. Ps. 46, 2. Omnes gentes, pláudite mánibus : jubiláte Deo in voce exsultatiónis. V). Glória Patri. Viri.

Oratio

COncéde, quaésumus, omnípotens Deus : ut, qui hodiérna die Unigénitum tuum, Redemptórem nostrum, ad cælos ascendísse crédimus; ipsi quoque mente in cæléstibus habitémus. Per eúndem Dóminum.

Léctio Actuum Apostólorum
Act. 1, 1-11

PRimum quidem sermónem feci de ómnibus, o Theóphile, quæ cœpit Jesus fácere et docére usque in diem, qua, præcípiens Apóstolis per Spíritum Sanctum, quos elégit, assúmptus est : quibus et praébuit seípsum vivum post passiónem suam in multas arguméntis, per dies quadragínta appárens eis et loquens de regno Dei. Et convéscens, præcépit eis ab Jerosólymis ne discéderent, sed exspectárent promissiónem Patris, quam audístis (inquit) per os meum : quia Joánnes quidem baptizávit aqua, vos autem baptizabímini Spíritu Sancto non post multos hos dies. Igitur qui convénerant, interrogábant eum, dicéntes : Dómine, si in témpore hoc restítues regnum Israël? Dixit autem eis : Non est vestrum nosse témpora vel moménta, quæ Pater pósuit in sua potestáte : sed accipiétis virtútem superveniéntis Spíritus Sancti in vos, et éritis mihi testes in Jerúsalem et in omni Judaéa et Samaría et usque ad últimum terræ. Et cum hæc dixísset, vidéntibus illis, elevátus est, et nubes suscépit eum ab óculis eórum. Cumque intuerétur in cælum eúntem illum, ecce, duo viri astitérunt juxta illos in véstibus albis, qui et dixérunt : Viri Galilaéi, quid statis aspiciéntes in cælum? Hic Jesus, qui assúmptus est a vobis in cælum, sic véniet, quemádmodum vidístis eum eúntem in cælum.

Allelúja, allelúja. V). Ps. 46, 6. Ascéndit Deus in jubilatióne, et Dóminus in voce tubæ. Allelúja. V). Ps. 67, 18-19. Dóminus in Sina in sancto, ascéndens in altum, captívam duxit captivitátem. Allelúja.

+ Sequéntia sancti Evangélii secúndum
Marcum                 Marc. 16, 14-20

IN illo témpore : Recumbéntibus úndecim discípulis, appáruit illis Jesus : et exprobrávit incredulitátem eórum et durítiam cordis : quia iis, qui víderant eum resurrexísse, non credidérunt. Et dixit eis : Eúntes in mundum univérsum, prædicáte Evangélium omni creatúræ. Qui credíderit et baptizátus fúerit, salvus erit : qui vero non credíderit, condemnábitur. Signa autem eos, qui credíderint, hæc sequéntur : In nómine meo dæmónia ejícient : linguis loquántur novis : serpéntes tollent : et si mortíferum quid bíberint, non eis nocébit : super ægros manus impónent, et bene habébunt. Et Dóminus quidem Jesus, postquam locútus est eis, assúmptus est in cælum, et sedet a dextris Dei. Illi autem profécti, prædicavérunt ubíque, Dómino cooperánte sermónem confirmánte, sequéntibus signis.

¶ Dicto Evangelio exstinguitur Cereus paschalis, nec ulterius accenditur, nisi in Sabbato Pentecostes ad benedictionem Fontis.

Credo. 

Offertorium. Ps. 46, 6. Ascéndit Deus in jubilatióne, et Dóminus in voce tubæ, allelúja.

Secreta

SÚscipe, Dómine, múnera, quæ pro Fílii tui gloriósa Ascensióne deférimus : et concéde propítius; ut a præséntibus perículis liberémur, et ad vitam perveniámus ætérnam. Per eúndem Dóminum.

Præfatio et Communicántes propria per totam Octavam.

PEr ómnia saécula sæculórum.
R). Amen.
V). Dóminus vobíscum.
R). Et cum spíritu tuo.
V). Sursum corda.
R). Habémus ad Dóminum.
V). Grátias agámus Dómino Deo nostro.
R). Dignum et justum est.

VEre dignum et justum est, æquum et salutáre : nos tibi semper, et ubíque grátias ágere : Dómine sancte, pater omnípotens, ætérne Deus: per Christum Dómi­num nostrum. Qui post resurrectiónem suam ómnibus discípulis sui maniféstus appáruit, et ipsis cernéntibus est elevátus in cælum, ut nos divinitátis suæ tribúeret esse partícipes. Et ídeo, cum Angelis et Archángelis, cum Thronis et Dominatiónibus, cumque omni milítia cæléstis exércitus, hymnum glóriæ tuæ cánimus, sine fine dicéntes :

Sanctus, Sanctus, Sanctus, Dóminus Deus Sábaoth. Pleni sunt cæli et terra glória tua. Hosánna in excélsis.

Benedíctus qui venit in nómine Dómini. Hosánna in excélsis.

Communio. Ps. 67, 33-34. Psállite Dómino, qui ascéndit super cælos cælórum ad Oriéntem, allelúja.

Postcommunio

PRæsta nobis, quaésumus, omnípotens et miséricors Deus : ut, quæ visibílibus mystériis suménda percépimus, invisíbili consequámur efféctu. Per Dóminum.

Infra Octavam Missa dicitur ut in Festo, et in ea adduntur, juxta Rubricas, Orationes pro diversitate Temporum assignatæ, nempe 2ª de S. Maria, 3ª contra persecutores Ecclesiæ, vel pro Papa.

Pubblicato il Calendario | Commenti disabilitati su Giovedì 9 maggio 2024 Ascensione

8 maggio 2024 Apparizione di san Michele Arcangelo

Concussum est mare et contrémuit terra, ubi Archángelus Míchaël descéndit de cælo.

 

8 Maggio ottavo delle Idi

Mercoledì delle Rogazioni. Vigilia dell’Ascensione

Apparizione di san Michele Arcangelo

Doppio maggiore. Paramenti bianchi. Messa «Benedícite Dóminum».

 

 

Die  Maji

IN  APPARITIONE

S.  MICHAELIS  ARCHANGELI

Duplex majus

Introitus                                                                                          Ps. 102, 20

BEnedícite Dóminum, omnes Angeli ejus : poténtes virtúte, qui fácitis verbum eius, ad audiéndam vocem sermónum ejus. Ps. ibid., 1. Bénedic, ánima mea, Dómino : et ómnia, quæ intra me sunt, nómini sancto ejus. V). Glória Patri. Benedícite

Oratio

DEus, qui miro órdine, Angelórum ministéria hominúmque dispénsas : concéde propítius; ut, a quibus tibi ministrántibus in cælo semper assístitur, ab his in terra vita nostra muniátur. Per Dóminum.

de Vigilia                            Oratio

DEus, a quo bona cuncta procédunt, largíre supplícibus tuis : ut cogitémus, te inspiránte, quæ recta sunt; et, te gubernánte, éadem faciámus. (Per Dóminum.)

de Rogationibus                Oratio

PRæsta, quaésumus, omnípotens Deus : ut, qui in afflictióne nostra de tua pietáte confídimus; contra advérsa ómnia, tua semper protectióne muniámur. Per Dóminum.

Léctio libri Apocalýpsis beáti Joánnis
Apostóli Apoc. 1, 1-5

IN diébus illis : Significávit Deus quæ opórtet fíeri cito, mittens per Angelum suum servo suo Joánni, qui testimónium perhíbuit verbo Dei, et testimónium Jesu Christi, quacúmque vidit. Beátus qui legit, et audit verba prophetíæ hujus : et servat ea, qua in ea scripta sunt : tempus enim prope est. Joánnes septem ecclésiis, quæ sunt in Asia. Grátia vobis, et pax ab eo, qui est, et qui erat, et qui ventúrus est : et a septem spirítibus, qui in conspéctu throni ejus sunt : et a Jesu Christo, qui est testis fidélis, primogénitus mortuórum, et princeps regum terræ, qui diléxit nos, et lavit nos a peccátis nostris in sánguine suo.

Allelúja, allelúja. V). Sancte Míchaël Archángele, defénde nos in proélio : ut non pereámus in treméndo judício. Allelúja. V). Concussum est mare et contrémuit terra, ubi Archángelus Míchaël descéndit de cælo. Allelúja.

+ Sequéntia sancti Evangélii secúndum
Matthaéum            Matth. 18, 1-10

IN illo tempóre : Accessérunt discípuli ad Jesum, dicéntes : Quis, putas, major est in regno cælórum? Et ádvocans Jesus párvulum, státuit eum in médio eórum, et dixit : Amen dico vobis, nisi convérsi fuéritis, et efficiámini sicut párvuli, non intrábitis in regnum cælórum. Quicúmque ergo humiliáverit se sicut párvulus iste, hic est major in regno cælórum. Et qui suscéperit unum párvulum talem in nómine meo, me súscipit. Qui autem scandalizáverit unum de pusíllis istis, qui in me credunt, éxpedit ei, ut suspendátur mola asinária in collo ejus, et demergátur in profúndum maris. Væ mundo a scándalis. Necésse est enim ut véniant scándala : verúmtamen væ hómini illi, per quem scándalum venit. Si autem manus tua, vel pes tuus scandalízat te, abscíde eum, et prójice abs te : bonum tibi est ad vitam íngredi débilem, vel claudum, quam duas manus, vel duos pedes habéntem mitti in ignem ætérnum. Et si óculus tuus scandalízat te, érue eum, et prójice abs te : bonum tibi est cum uno óculo in vitam intráre, quam duos óculos habéntem mitti in gehénnam ignis. Vidéte ne contemnátis unum ex his pusíllis : dico enim vobis, quia Angeli eórum in cælis semper vident faciem Patris mei, qui in cælis est.

Credo.

Offertorium. Apoc. 8, 3 et 4. Stetit Angelus juxta aram templi, habens thuríbulum áureum in manu sua, et data sunt ei incénsa multa : et ascéndit fumus arómatum in conspéctu Dei, allelúja.

Secreta

HÓstias tibi, Dómine, laudis offérimus, supplíciter deprecántes : ut easdem, angélico pro nobis interveniénte suffrágio, et placatus accípias, et ad salútem nostram proveníre concédas. Per Dóminum.

de Vigilia                              Secreta

SÚscipe Dómine, fidélium preces cum oblatiónibus hostiárum : ut, per hæc piæ devotiónis offícia, ad cæléstem glóriam transeámus. (Per Dóminum.)

de Rogationibus                  Secreta

HÆc múnera, quaésumus, Dómine, et víncula nostræ pravitátis absólvant, et tuæ nobis misericórdiæ dona concílient. Per Dóminum.

Præfatio Paschalis.

PEr ómnia saécula sæculórum.
R). Amen.
V). Dóminus vobíscum.
R). Et cum spíritu tuo.
V). Sursum corda.
R). Habémus ad Dóminum.
V). Grátias agámus Dómino Deo nostro.
R). Dignum et justum est.

VEre dignum et justum est, æquum et salutáre : Te qui­dem Dómine omni témpore, sed in hoc potíssimum gloriósius prædicáre, cum Pascha nostrum immolátus est Christus. Ipse enim verus est Agnus, qui ábstulit peccáta mundi. Qui mortem nostram moriéndo destrúxit, et vitam resur­géndo reparávit. Et ídeo, cum Angelis et Archángelis, cum Thronis et Dominatiónibus, cumque omni milítia cæléstis exércitus, hymnum glóriæ tuæ cánimus, sine fine dicéntes :

Sanctus, Sanctus, Sanctus, Dóminus Deus Sábaoth. Pleni sunt cæli et terra glória tua. Hosánna in excélsis.

Benedíctus qui venit in nómine Dómini. Hosánna in excélsis.

Communio. Dan. 3, 58. Benedícite, omnes Angeli Dómini, Dóminum : hymnum dícite, et superexáltate eum in saécula, allelúja.

Postcommunio

BEáti Archángeli tui Michaélis intercessióne suffúlti : súpplices te, Dómine, deprecámur; ut, quod ore proséquimur, contingámus et mente. Per Dóminum.

de Vigilia                                          Postcommunio

TRíbue nobis, Dómine, cæléstis mensae virtúte satiátis : et desideráre, quæ recta sunt, et desideráta percípere. (Per Dóminum.)

de Rogationibus                             Postcommunio

VOta nostra, quaésumus, Dómine, pio favóre proséquere : ut, dum dona tua in tribulatióne percípimus, de consolatióne nostra in tuo amóre crescámus. Per Dóminum.

In fine legitur Evangelium Vigiliæ :

+ Sequéntia sancti Evangélii secúndum
Joánnem             Joann. 17, 1-11

IN illo témpore : Sublevátis Jesus oculis in cælum, dixit : Pater, venit hora, clarífca Fílium tuum, ut Fílius tuus clarífcet te : sicut dedísti ei potestátem omnis carnis, ut omne, quod dedísti ei, det eis vitam ætérnam. Hæc est autem vita ætérna : ut cognóscant te, solum Deum verum, et quem misísti Jesum Christum. Ego te clarificávi super terram : opus consummávi, quod dedísti mihi, ut fáciam : et nunc clarífica me tu, Pater, apud temetípsum, claritáte, quam hábui, priúsquam mundus esset, apud te. Manifestávi nomen tuum homínibus, quos dedísti mihi de mundo. Tui erant, et mihi eos dedísti; et sermónem tuum servavérunt. Nunc cognovérunt, quia ómnia, quæ dedísti mihi, abs te sunt : quia verba, quæ dedísti mihi, dedi eis : et ipsi accepérunt, et cognovérunt vere, quia a te exívi, et credidérunt, quia tu me misísti. Ego pro eis rogo, non pro mundo rogo, sed pro his, quos dedísti mihi : quia tui sunt : et mea ómnia tua sunt, et tua mea sunt : et clarificátus sum in eis. Et jam non sum in mundo, et hi in mundo sunt, et ego ad te vénio.

Pro votiva de S. Michaële, Tempore Paschali, Messa dicitur ut supra.
Extra Tempus Paschale, ut in ejus Dedicatione, die 29 Septembris.

Preci

Pubblicato il Calendario | Commenti disabilitati su 8 maggio 2024 Apparizione di san Michele Arcangelo

5 maggio 2024 San Pio quinto

Ad conteréndos Ecclésiæ tuae hostes et ad divínum cultum
reparándum, beátum Pium Pontíficem máximum elígere dignátus es.

 

5 Maggio terzo delle None

Domenica Quinta dopo Pasqua

Semidoppio. Paramenti bianchi. Messa «Vocem jucunditátis».
Seconda orazione di san Pio quinto Papa e Confessore.

 

 

DOMINICA  QUINTA

POST  PASCHA

Semiduplex

Introitus                                                                                          Ps. 48, 20

VOcem jucunditátis annuntiáte, et audiátur, allelúja : annuntiáte usque ad extrémum terræ : liberávit Dóminus pópulum suum, allelúja, allelúja. Ps. 65, 1-2. Jubiláte Deo, omnis terra, psalmum dícite nómini ejus : date glóriam laudi ejus. V). Glória Patri. Vocem.

Oratio

DEus, a quo bona cuncta procédunt, largíre supplícibus tuis : ut cogitémus, te inspiránte, quæ recta sunt; et, te gubernánte, éadem faciámus. Per Dóminum.

Et fit Commemoratio S. Pii V Papæ et Confessoris  :

Oratio

DEus, qui, ad conteréndos Ecclésiæ tuæ hostes et ad divínum cultum reparándum, beátum Pium Pontíficem Máximum elígere dignátus es : fac nos ipsíus deféndi præsídiis et ita tuis inhærére obséquiis; ut, ómnium hóstium superátis insídiis, perpétua pace lætémur. Per Dóminum.

Léctio Epístolæ beáti Jacóbi Apóstoli
Jac. 1, 22-27

CAríssimi : Estóte factóres verbi, et non auditóres tantum : falléntes vosmetípsos. Quia si quis audítor est verbi et non factor : hic comparábitur viro consideránti vultum nativitátis suæ in spéculo : considerávit enim se et ábiit, et statim oblítus est, qualis fúerit. Qui autem perspéxerit in legem perféctam libertátis et permánserit in ea, non audítor obliviósus factus, sed factor óperis : hic beátus in facto suo erit. Si quis autem putat se religiósum esse, non refrénans linguam suam, sed sedúcens cor suum, hujus vana est relígio. Relígio munda et immaculáta apud Deum et Patrem hæc est : Visitáre pupíllos et víduas in tribulatióne eórum, et immaculátum se custodíre ab hoc saéculo.

Allelúja, allelúja. V). Surréxit Christus, et illúxit nobis, quos redémit sánguine suo. Allelúja. V). Joann. 16, 28. Exívi a Patre, et veni in mundum : íterum relínquo mundum, et vado ad Patrem. Allelúja.

+ Sequéntia sancti Evangélii secúndum
Joánnem                Joann. 16, 23-30

IN illo tempóre : Dixit Jesus discípulis suis : Amen, amen, dico vobis : si quid petiéritis Patrem in nómine meo, dabit vobis. Usque modo non petístis quidquam in nómine meo : Pétite, et accipiétis, ut gáudium vestrum sit plenum. Hæc in provérbiis locútus sum vobis. Venit hora, cum jam non in provérbiis loquar vobis, sed palam de Patre annuntiábo vobis. In illo die in nómine meo petétis : et non dico vobis, quia ego rogábo Patrem de vobis : ipse enim Pater amat vos, quia vos me amástis, et credidístis quia ego a Deo exívi. Exívi a Patre et veni in mundum : íterum relínquo mundum et vado ad Patrem. Dicunt ei discípuli ejus : Ecce, nunc palam loquéris et provérbium nullum dicis. Nunc scimus, quia scis ómnia et non opus est tibi, ut quis te intérroget : in hoc crédimus, quia a Deo exísti.

Credo.

Offertorium. Ps. 62, 8-9 et 20. Benedícite, gentes, Dóminum, Deum nostrum, et obaudíte vocem laudis ejus : qui pósuit ánimam meam ad vitam, et non dedit commovéri pedes meos : benedíctus Dóminus, qui non amóvit deprecatiónem meam et misericórdiam suam a me, allelúja.

Secreta

SÚscipe, Dómine, fidélium preces cum oblatiónibus hostiárum : ut, per hæc piæ devotiónis offícia, ad cæléstem glóriam transeámus. Per Dóminum.

Secreta pro S. Pio

OBlátis munéribus, quaésumus, Dómine, Ecclésiam tuam benígnus illúmina : ut, et gregis tui profíciat ubique succéssus, et grati fiant nómini tuo, te gubernánte, pastóres. Per Dóminum.

Præfatio Paschalis.

PEr ómnia saécula sæculórum.
R). Amen.
V). Dóminus vobíscum.
R). Et cum spíritu tuo.
V). Sursum corda.
R). Habémus ad Dóminum.
V). Grátias agámus Dómino Deo nostro.
R). Dignum et justum est.

VEre dignum et justum est, æquum et salutáre : Te qui­dem Dómine omni témpore, sed in hoc potíssimum gloriósius prædicáre, cum Pascha nostrum immolátus est Christus. Ipse enim verus est Agnus, qui ábstulit peccáta mundi. Qui mortem nostram moriéndo destrúxit, et vitam resur­géndo reparávit. Et ídeo, cum Angelis et Archángelis, cum Thronis et Dominatiónibus, cumque omni milítia cæléstis exércitus, hymnum glóriæ tuæ cánimus, sine fine dicéntes :

Sanctus, Sanctus, Sanctus, Dóminus Deus Sábaoth. Pleni sunt cæli et terra glória tua. Hosánna in excélsis.

Benedíctus qui venit in nómine Dómini. Hosánna in excélsis.

Communio. Ps. 95, 2. Cantáte Dómino, allelúja : cantáte Dómino et benedícite nomen ejus : bene nuntiáte de die in diem salutáre ejus, allelúja, allelúja.

Postcommunio

TRíbue nobis, Dómine, cæléstis mensæ virtúte satiátis : et desideráre, quæ recta sunt, et desideráta percípere. Per Dóminum.

Postcommunio pro S. Pio

REfectióne sancta enutrítam gubérna, quaésumus, Dómine, tuam placátus Ecclésiam : ut, poténti moderatióne dirécta, et increménta libertátis accípiat et in religiónis integritáte persístat. Per Dóminum.

Preci

Pubblicato il Calendario | Commenti disabilitati su 5 maggio 2024 San Pio quinto

Presentazione del volume sulla Messa in latino e gli intellettuali a cura di Joseph Shaw

Il 27 ottobre 2023 a Roma nel corso dei lavori dell’VIII Incontro Pax Liturgica, Joseph Shaw, presidente della FIUV, ha presentato il libro a sua cura, con prefazione di Martin Mosebach The Latin Mass and the Intellectuals: The Petitions to Save the Ancient Mass from 1966 to 2007 (Waterloo, ON, Arouca Press, 2023, amazon). Si tratta di una raccolta di contributi sulle petizioni, susseguitesi dal 1966 al 2007, che chiedevano alla S. Sede di conservare l’uso dell’antico Messale Romano, della liturgia romana tradizionale, del canto gregoriano.

J. Shaw ha aperto il suo discorso evidenziando il dato che queste petizioni sono state avviate a Roma nel 1966 da Cristina Campo, la fondatrice di Una Voce Italia, il volume è uscito proprio nel centenario della sua nascita, avvenuta nel 1923. L’opera si propone di collocare il fenomeno delle petizioni in un contesto più ampio del mero riferimento al nome di Agatha Christie, firmataria nel 1971, e al c.d. Indulto inglese che ne fu il più concreto risultato, e delineare con maggiore evidenza il movimento che le aveva organizzate. Anzi l’obiettivo che più vorrebbe raggiungere – così il relatore – è imprimere nella mente di un pubblico più vasto l’autentico spirito dei primi organizzatori, che vi si sostituisca a qualsiasi precedente stereotipo di sostenitore della Messa tradizionale.

Shaw ha citato le parole di una dichiarazione rilasciata all’epoca da Massimo Pallottino, che sintetizzano mirabilmente tre ragioni per firmare, distinte ma tra di loro strettamente intrecciate:

«Ho firmato l’appello come studioso di storia che da tanti anni combatte in prima linea per la difesa del patrimonio artistico e culturale, affinché non sia distrutto stupidamente e gratuitamente uno dei maggiori monumenti viventi, in senso oraziano, della nostra civiltà: cioè le tradizioni liturgiche della nostra Chiesa. Ma ho firmato anche come cattolico, non soltanto e non tanto per le perplessità che destano alcune ambiguità teologiche del nuovo rito della Messa – che si vuole imporre a tutti – ma soprattutto perché sono convinto che il minacciato divieto della Messa tradizionale rappresenterebbe una patente deviazione dal principio di apertura universale e di libertà nei modi esteriori del culto, sancito dal Concilio Vaticano II» («L’Espresso», 18 luglio 1971).

Una prima considerazione della Messa tradizionale come patrimonio artistico e culturale da difendere che appartiene all’intera umanità può pertanto essere fatta propria anche da non cattolici e persino da non cristiani. La seconda è il valore spirituale della Messa quale nutrimento dell’anima di chi vi partecipa, connesso con la sicurezza dottrinale del rito antico, e quindi garanzia di fede ortodossa: tale motivazione è propria dei cristiani cattolici. Infine la ribellione contro la gratuita ingiustizia della proibizione della Messa antica, che Pallottino non avrà remore a definire «oscurantismo», ragione che in realtà può essere comune a cattolici esigenti verso chi esercita l’autorità come a non cattolici che in quanto esseri umani sono contro una iniqua negazione della libertà. Su quest’ultimo punto – ha ricordato il relatore –, si era fermamente espresso anche Bernard Wall, grazie ai suoi legami con l’Italia uno dei principali organizzatori internazionali della petizione del 1971. Per lui se degli anglicani, ortodossi, ebrei, agnostici hanno fatto proprio l’appello accanto ai cattolici è perché hanno giudicato non conforme ai tempi e superato un divieto totalitario della vecchia Messa.

Il libro, ha proseguito Shaw, cerca di collocare il maggior numero possibile di firmatari nel contesto del loro tempo e dei movimenti intellettuali e artistici di cui facevano parte. Dal misticismo e anche neoplatonismo come parte di una reazione contro la modernità industriale e individualista, a una forma di liberalismo inglese pre Vaticano II, all’interesse per il restauro di quanto era nell’arte e nella cultura del Medioevo, ispirato in Inghilterra a John Ruskin, al modernismo artistico inteso come forma e solo apparentemente disgiunto da un contenuto tradizionalista con l’esigenza di tornare alle realtà perenni e persino alle verità spirituali, a coloro che, invece, ritenevano una via d’uscita dalla crisi culturale degli anni Sessanta il ritorno alle forme culturali tradizionali.

Il relatore ha poi illustrato sinteticamente l’ordine e l’oggetto dei vari contributi con l’intenzione di ottenere una organica visione degli aspetti presi in esame. Infine ha presentato una personale testimonianza: dei principali organizzatori delle prime petizioni Campo, Elémire Zolla, Wall e Alfred Marnau ha ricordato di avere avuto occasione di conoscere unicamente quest’ultimo: l’aveva conosciuto in gioventù in quanto amico di famiglia. Fra Alfred Marnau era uno scrittore tedesco-ungherese trasferitosi poi a Londra, cavaliere professo dell’Ordine di Malta, raccolse le firme degli aderenti britannici della petizione del 1971, che fu pubblicata sul «Times» di Londra. Secondo Shaw questa figura dai tratti paradossali potrebbe rappresentare il movimento che stava dietro alle petizioni. I firmatari, e in particolare gli organizzatori delle petizioni per ben operare avrebbero dovuto essere come era Marnau: impegno nel mondo dell’arte e della cultura, anche nelle sue forme moderniste, profonda sensibilità per l’importanza della tradizione, eccezionale generosità di spirito, assoluta intransigenza. Egli «esprimeva con eguale forza l’amore per la bellezza e l’odio per tutto ciò che è stupido, disumano o burocratico», comportamento in cui ci sembra di ravvisare in buona sostanza la rivolta contro la stupidità insita nell’idea, tuttora riaffiorante, di mettere fuori legge la Missa Romana, la sua tradizione millenaria.

Data l’importanza della pubblicazione, riproduciamo qui l’indice con i titoli dei contributi e i loro autori:

Foreword by Martin Mosebach
Preface by Joseph Shaw
Timeline

Part i Background
1 Pius V and the Tridentine Missal: Joseph Shaw
2 Maistre, Latin, and the Conserving of Christendom: Sebastian Morello
3 «Death Comes for the Cathedrals» (1904): Marcel Proust
4 Tito Casini on Latin: Joseph Shaw
5 «Prayer, Grace, & the Liturgy» (1967): Fr. Bryan Houghton
6 The Crisis of the 1960s: Joseph Shaw

Part ii Organizers and Networks
7 Christopher Sykes, Evelyn Waugh, and Hugh Ross Williamson
8 Alfred Marnau: «Recollection» and Obituaries
9 Cristina Campo and the Petition of 1966: Fr. Gabriel Diaz-Patri
10 Bernard Wall and His Circle: Fr. Gabriel Diaz-Patri
11 The 1971 Petition and Its Signatories: Fr. Gabriel Diaz-Patri
12 Interviews from L’Espresso: Six Petitioners
13 Marnau, England, and Cardinal Heenan: Joseph Shaw
14 The Delivery of the 1998 Petition: Leo Darroch
15 The French Petitioners of 2006: Philippe Maxence

Part iii The Petitioners
16. Laity and Converts: Joseph Shaw
17 Artists: Aestheticism, Development, and Ritual: Joseph Shaw
18 Medievalism, from Ruskin to Tolkien: Joseph Shaw
19 Modernists Against Modernity: Joseph Shaw
20 The Perennial Philosophy, Raine, and Zolla: Joseph Shaw
21 Against «Fascist Culture»: Joseph Shaw
22 Alone in Pellam’s Land: David Jones and the Liturgical Reform: Erik Tonning
23 Vox Musicorum: Matthew Schellhorn

Part iv Petition Texts
24 Petition texts of 1966 and 1971
25 The Petitions of 1995, 1998, 2006, and 2007

Conclusion
26 The Problem of Religious Traditionalists
Appendix: Vladimir Ashkenazy accepts the De Saventhem Medal

Acknowledgements
About the Contributors
Index of Proper Names

Cfr. «Una Voce Notiziario», 89-91 ns, 2023, pp. 10-12 link

Pubblicato il Notitiae | Taggato come , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Presentazione del volume sulla Messa in latino e gli intellettuali a cura di Joseph Shaw

In morte del Consocio Antonio Leopizzi

Lo scorso 1° marzo 2024 è morto improvvisamente l’ing. Antonio Leopizzi. Aveva 67 anni.

Socio di UNA VOCE ITALIA – Sezione di Lecce, tra i primi e più attivi componenti del Coetus leccese che dal 2009 ha operato per la Messa antica a Lecce e nel Salento.

Il Suo nome compare tra i soci fondatori della nostra prima associazione nel novembre 2011 quando ci riunimmo presso lo studio dell’avv. Fiocco.

Persona generosa ed entusiasta, aveva condiviso tante iniziative del gruppo, sempre sorridente e affabile, pronto a mettersi a disposizione con la Sua competenza e la Sua professionalità: tutti i momenti salienti della vita del Coetus Lo hanno visto protagonista, sin dalla prima Messa in S. Matteo nell’aprile 2009. Grande è stato il Suo impegno per il pellegrinaggio regionale al santuario di Santa Maria di Leuca con il card. Burke nel maggio 2012, quando insieme abbiamo condiviso il grande sforzo organizzativo.

E poi nel 2013 Egli seguì personalmente a Sue spese i lavori di ripristino del presbiterio della chiesa di S. Francesco di Paola per consentire nuovamente l’uso dell’altare maggiore per le celebrazioni secondo l’uso antico.

E nel 2019 realizzammo la balaustra del presbiterio della chiesa di S. Anna, poco prima della riapertura al culto. E ancora, in S. Anna si era accorto della mancanza di uno dei rosoni in pietra sul muro di destra: così, nel 2021 di Sua iniziativa ed a Sue spese lo ha fatto ricostruire e si attende l’occasione propizia per rimontarlo al suo posto.

Nel 2021 aveva poi mostrato la Sua generosa operosità, redigendo il complessivo progetto di restauro dell’interno della chiesa di S. Anna che nel luglio di quell’anno abbiamo donato al Comune di Lecce.

E fino a pochi giorni fa parlavamo ancora di nuovi progetti per il Coetus.

Ci è grato condividere un’immagine, quella con cui preferiamo ricordarLo: maggio 2012, al termine della grande fatica del pellegrinaggio regionale col card. Burke.

Così era Antonio: sorridente, discreto, squisito signore.

A Dio, Antonio!

Una Voce Lecce

Pubblicato il Articoli | Taggato come , , , , , , , | Commenti disabilitati su In morte del Consocio Antonio Leopizzi