Le immagini della Messa tridentina per san Venanzio Fortunato del 14 dicembre 2018

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 11

Il 14 dicembre 2018 all’altare di S. Rita della chiesa di S. Canziano a Padova è stata cantata la Messa di san Venanzio Fortunato Vescovo e Confessore, il giorno della sua festa nel Proprio diocesano tradizionale. Il Comitato San Canziano pro Missa Tridentina di Padova, promovendo e organizzando la sacra funzione, ha inteso esaltare la memoria e invocare la protezione del grande innografo cristiano, vescovo di Poitiers ma nato a Valdobbiadene in diocesi di Padova.

Orémus

Præsta, quaésumus, omnípotens Deus, ut, sicut pópulus tuus beáti Antístitis Venántii Fortunáti temporáli sollemnitáte congáudet; ita perfruátur ætérna: et, quod votis célebrat, comprehéndat efféctu. Per Dóminum.

 

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 1

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 2

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 3

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 4

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 5

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 6

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 7

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 8

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 9

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 10

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 12

Chiesa di S. Canziano Padova 14 dicembre 2018 13

Pubblicato il Senza categoria | Taggato come , , | Commenti disabilitati su Le immagini della Messa tridentina per san Venanzio Fortunato del 14 dicembre 2018

S. Natale 2018

25 Dicembre

Ottavo delle Calende di Gennaio

NATALE  DEL  SIGNORE

Meménto, rerum Cónditor
Nostri quod olim córporis,
Sacráta ab alvo Vírginis
Nascéndo, formam súmpseris.

                          Orémus

Concéde, quaésumus, omnípotens Deus :
ut nos Unigéniti tui nova per carnem
Natívitas líberet; quos sub peccáti jugo
vetústa sérvitus tenet. Per eúndem Dóminum.

Pubblicato il Senza categoria | Commenti disabilitati su S. Natale 2018

In memoriam

___________

 

Il 13 dicembre 2018, a Firenze, è mancato all’età di novantatré anni il conte Neri Capponi, patrizio fiorentino, avvocato della Rota romana e del S. Concistoro, docente di Diritto canonico presso l’Università degli Studi di Firenze.

Dal 1979 al 1988 il conte Capponi fu presidente nazionale di Una Voce Italia.

In seguito, la Federazione Internazionale Una Voce (FIUV), a grato testimonio della sua grande opera, gli conferì il titolo di presidente onorario.

L’Associazione esprime il proprio cordoglio per la scomparsa di Colui che fu uno dei maggiori difensori della liturgia romana tradizionale nel secolo XX, e si unisce al suffragio per la sua anima.

Pubblicato il In memoriam | Taggato come , , | Commenti disabilitati su In memoriam

Merato, Varia genera Missarum. Missa, seu liturgia Gallicana

XXII. MISSA SEU LITURGIA GALLICANA est illa, quae in Galliis ante Pipinum, et Carolum Magnum usitata erat. Non unam tamen tantum, sed plura, et diversa fuerunt exemplaria Gallicanae Liturgiae; sed idem in omnibus servabatur ordo precum, licet Orationes diversae legantur; unde liquet praedictarum Liturgiarum, non unum et eundem fuisse auctorem, sed plane plures, qui quidem, ut ait Mabillon, adhuc sunt ignoti etiam apud solertiores Rerum Antiquarum Investigatores. Sed puto memoratum Mabillon locutum fuisse de Liturgiis, quae modo extant; de aliis enim quae temporis iniuria perierunt, aliter dicendum esse crediderim: nam D. Hieronymus in Catalogo Scriptorum Ecclesiasticorum tribuit sancto Hilario Pictavorum Episcopo quemdam Missae Ordinem, seu Liturgiam; de eo enim S. Antistite, ait: Est ejus et liber Hymnorum, et liber Mysteriorum alius, ubi pro Mysteriorum librum Codicem Liturgicum, seu Missale debere intelligi, fateri compellitur quicumque Missam a priscis Scriptoribus Mysterium nuncupatam fuisse non ignorat, ut alibi diximus. Gennadius pariter Massiliensis in Catalogo Scriptorum Illustrium tradit Voconium Castellani Mauriteni Oppidi Episcopum composuisse, praeter alios libros, etiam Sacramentorum egregium volumen. Idem Gennadius adstruit Musaeum Massiliensis Ecclesiae Presbyterum, hortatu S. Venerii Episcopi multos exarasse libros, inter quos Sacramentorum egregium, et non parvulum volumen, cujus nomine liber Missalis intelligendus est, et hoc ex ipso Gennadio satis eruitur: ex Concilii quoque Rhemensis verbis idem magis commonstratur apud Burchardum lib. 3. cap. 97. ubi legitur: Expleta Missa, Codex cum Patena, et Sacramentorum liber cum vestibus sacerdotalibus sub sera recondantur. Praefatis auctoribus calculos suos addunt Josephus Vicecomes, vol. 4. de Missae apparatu lib. 7. cap. 19. necnon Bocquillot in suo Tract. de Sacr. Liturg. lib. 1. cap. 9. qui etiam subnectit Gregorium Turonensem lib. 1. Historiae cap. 11. mentionem facere de quodam Missali a Sidonio composito, cui ipse quamdam praefationem adjecerat. Liturgiam Gallicanam a Romana fuisse diversam, nemo est, qui in dubium revocare possit: sicut etiam exploratissimum est veteres Liturgias, et Ritus in Gallicanis Ecclesiis abrogatos; et Romanos loco illorum introductos fuisse ante annum Christi octingentesimum, Carolo Magno in Gallia imperante, qui S. Gregorii Sacramentarium a Romana Ecclesia adhibitum recepit ab Hadriano PP. I et Capitulare edidit, quo praescripsit ut in posterum Gallicanae Ecclesiae ordine Romano uterentur in celebrandis Divinis Mysteriis: et haec Liturgiae Gallicanae in Romanam mutatio tanta consensione universae Galliae Ecclesiarum facta est, ut regnante Carolo Calvo praefati Magni Nepote, Liturgiae, et gallicanorum Rituum notitia penitus in omnium mente deleta esset. Non obstante tamen tanto Gallorum neglectu, et tanto temporis intervallo elapso ab octavo Saeculo, usque ad annum 1680. tandem tria Missalia Gallicana, Romae in lucem emissa fuere a supra laudato Card. Thomasio. Primum ab eodem inscriptum fuit, Missale Gothicum, seu Gallicanum vetus; secundum vero Missale Francorum; tertium denique Missale Gallicorum vetus; redditque rationem clarissimus editor in sua praefatione, ob quam praedictis appellationibus adnotaverit mox memorata tria sacra volumina. Haec tria Missalia Gallicana, Parisiis anno 1685. recusa fuere, una cum Lectionario Gallicano, tunc solum primum editum, accedente disquisitione de Cursu Gallicano, necnon eruditissimis notis, et observationibus: et omnia haec, opera et studio celeberrimi viri Joannis Mabillon, qui pariter quartam edidit Missam Gallicanam, quae reperitur in primo Tomo sui Musaei Italici. De praefatis Gallicanis Liturgiis fatis erudire tractat mox laudatus Mabillon in praefato suo volumine de Gallicana Liturgia; Cardinalis Bona lib. 1. de Rebus Liturgicis cap, 12. Cardin. Thomasius in praefatione suorum Codicum Sacramentalium; Le Brun tomo 2. dissert. 4. Grancolas de antiquis Liturgiis a pagina 319. usque ad paginam 360. Marrene libro 1. de antiquis Ecclesiae Ritibus cap. 3. artic. 1. numer. 9 et sequentibus, et Joseph Vicecomes de Missae Ritibus lib. 2. cap. 7.

Cfr. G. M. Merato, Novae Observationes ad Gavanti Commentaria 1, 22, in Thesaurus Sacrorum Rituum auctore Rev. Patre D. Bartholomaeo Gavanto Congr. Cler. Reg. S. Pauli S. R. C. Consultore etc. cum novis Observationibus, et Additionibus R. P. D. Cajetani-Mariae Merati Clerici Regularis, ejusdem Sacrae Rituum Congregationis Consultoris. Editio novissima … Tomus primus complectens omnia Gavanti Commentaria in Rubricas Missalis Romani, Venetiis, ex Tipographia Balleoniana, 1792, pp. 29-30.

Pubblicato il Senza categoria | Taggato come , | Commenti disabilitati su Merato, Varia genera Missarum. Missa, seu liturgia Gallicana

Pellegrinaggio al Santuario di Madonna del Monte ad Aviano il 22 dicembre

Santuario di Madonna di Monte in Costa di Aviano

Sabato 22 dicembre 2018 la Compagnia di Sant’Antonio insieme con la Sezione di Pordenone di Una Voce Italia organizzano un pellegrinaggio al Santuario di Madonna del Monte in Costa di Aviano (Pordenone). Alle 13:45 ritrovo alla chiesa di S. Valentino a Costa di Marsure, alle 14 partenza del pellegrinaggio, alle 14:30 al santuario recita del santo Rosario, alle 15 Messa in rito tridentino.

Beatus vir, cuius est auxilium abs te: ascensiones in corde suo disposuit, in valle lacrimarum in loco quem posuit. Etenim benedictionem dabit legislator, ibunt de virtute in virtutem: videbitur Deus deorum in Sion (Sal 83,6). Beato il pellegrino che, sollecitato da una voce misteriosa che nasce nel suo cuore di credente, inizia con i suoi compagni l’instancabile cammino, il viaggio santo, alla ricerca del volto del Signore, del luogo della sua rivelazione, accompagnato nella preghiera dalla Vergine Santa: è con questo anelito che la Compagnia di Sant’Antonio, insieme con Una Voce Pordenone, proseguirà il proprio itinerario di fede con una nuova stagione di pellegrinaggi locali che, dall’Agro Concordiense, attraversando il fiume Tagliamento, porterà ad Aquileia per il III Pellegrinaggio della Tradizione Marciana alla fine di settembre del prossimo anno. In questo peregrinare lungo percorsi antichi, che testimoniano la profondità della fede e della pietà popolare delle terre venete e friulane, si porterà l’amore per la santa Messa celebrata nel sublime rito romano antico. La geografia sacra di questo territorio, ricco di santuari e chiese dedicate alla Madonna, straordinaria eredità storico-culturale della sua tradizione cattolica, offre un prezioso aiuto. In questi luoghi di grande spiritualità – talvolta dimenticati o nascosti – è possibile gustare il silenzio e mettersi all’ascolto e alla sequela di Maria, e realizzare quel detto popolare forte e oggi ancor più attuale e urgente che ci invita «ad Jesum per Mariam» (dal comunicato della Compagnia di Sant’Antonio).

Pubblicato il Eventi | Taggato come , , , | Commenti disabilitati su Pellegrinaggio al Santuario di Madonna del Monte ad Aviano il 22 dicembre

A Padova il 14 dicembre 2018 messa cantata di san Venanzio Fortunato

Chiesa di S. Canziano (S. Rita), Padova

Venerdì 14 dicembre 2018 alle 11 chiesa di S. Canziano a Padova (altare di S. Rita) sarà cantata la messa di san Venanzio Fortunato del quale ricorre la festa nel Proprio diocesano. La funzione è organizzata dal Comitato San Canziano pro Missa Tridentina Padova, che cura la celebrazione della messa antica in questa chiesa ogni domenica e festa di precetto.

Cfr. unavoce-ve.it

Pubblicato il Eventi | Taggato come , | Commenti disabilitati su A Padova il 14 dicembre 2018 messa cantata di san Venanzio Fortunato

Padre nostro

Pater noster, qui es in cœlis: sanctificétur nomen tuum: Advéniat regnum tuum: Fiat volúntas tua, sicut in cœlo, et in terra. Panem nostrum quotidiánum da nobis hódie: Et dimítte nobis débita nostra, sicut et nos dimíttimus debitóribus nostris. Et ne nos indúcas in tentatiónem. Sed líbera nos a malo. Amen.

Pubblicato il Senza categoria | Commenti disabilitati su Padre nostro

Ordo Missae celebrandae pro A. D. MMXIX edito da Traditio Marciana

Riprendiamo la notizia del sito del Coordinamento di Una Voce delle Venezie, osservando come questo calendario liturgico possa risultare senz’altro assai utile non solo nei territori delle Venezie, di cui sono state indicate le Messe dei propri diocesani, ma a tutti coloro che seguono la Messa nella forma tradizionale antica.

Ordo Missae celebrandae pro A. D. MMXIX

Per le cure di Nicolò Ghigi è uscito Ordo Missae celebrandae pro A. D. MMXIX juxta rubricas Missalis Romani ed. VI post typicam cum proprio Missarum Dioeceseon territorii olim subjecti Reipublicae Venetiarum: id est Patriarchatus Venetiarum, Archidioeceseos Goritiensis, Archidioeceseos Tridentinae, Archidioeceseos Utinensis, Dioeceseos Adriensis, Dioeceseos Bergomensis, Dioeceseos Brixiensis, Dioeceseos Brixinensis, Dioeceseon Feltrensis ac Bellunensis, Dioeceseos Concordiensis, Dioeceseos Patavinae, Dioeceseos Tarvisinae, Dioeceseon Tergestinae ac Justinopolitanae, Dioeceseos Veronensis, Dioeceseos Vicentinae, Dioeceseos Victoriensis Venetorum (Venetiis, Traditio Marciana, 2018, può essere richiesto gratuitamente in versione digitale a traditiomarciana@gmail.com).

L’opuscolo contiene il calendario per la celebrazione della Messa dell’anno ecclesiastico 2019 (dal 2 dicembre 2018 al 30 novembre 2019) secondo le rubriche della sesta edizione dopo la tipica del 1920 (editio VI post typicam) del Messale Romano, emanata dalla Sacra Congregazione dei Riti l’8 settembre 1952.

Sono indicate inoltre le Messe proprie delle diocesi del territorio storico delle Venezie. Esse sono elencate nel frontespizio secondo la loro denominazione nell’anno di riferimento per la compilazione del calendario liturgico (1952). Si tratta attualmente delle diocesi della Regione ecclesiastica Triveneto: il patriarcato di Venezia, con le diocesi suffraganee di Adria-Rovigo (fino al 1986 Adria), Belluno-Feltre (fino al 1986 Belluno e Feltre unite aeque principaliter), Concordia-Pordenone (fino al 1971 Concordia), Padova, Treviso, Verona, Vicenza, Vittorio Veneto; l’arcidiocesi metropolitana di Gorizia con la diocesi suffraganea di Trieste (fino al 1977 unita aeque principaliter con la diocesi di Capodistria); l’arcidiocesi di Trento, metropolitana dal 1964 con la diocesi suffraganea di Bolzano-Bressanone (fino al 1964 diocesi di Bressanone immediatamente soggetta alla Santa Sede, fino al 1921 era stata suffraganea dell’arcidiocesi di Salisburgo); l’arcidiocesi metropolitana di Udine senza suffraganee. Sono state aggiunte le diocesi di Bergamo e di Brescia, entrambe suffraganee dell’arcidiocesi di Milano, ma i cui territori dal XV alla caduta della Repubblica erano compresi nei Domini Veneti di Terraferma. Non è stato inserito, invece, il proprio della diocesi di Chioggia (suffraganea di Venezia), in quanto non è stato a tutt’oggi possibile rinvenirne il vecchio calendario.

La pubblicazione va salutata con grande interesse, in quanto offre a tutti coloro che celebrano e fanno celebrare la Messa tridentina nelle Venezie di un valido ausilio per farlo – potendo utilizzare anche i propri diocesani – nelle forme della liturgia romana tradizionale. Un intento che anche il Coordinamento di Una Voce delle Venezie ha sempre cercato di perseguire (traditiomarciana.blogspot.com).

Cfr. www.unavoce-ve.it

Pubblicato il Senza categoria | Taggato come , , | Commenti disabilitati su Ordo Missae celebrandae pro A. D. MMXIX edito da Traditio Marciana

A Castellammare di Stabia il 20 ottobre 2018 si è tenuto l’incontro #Tridentina Campania

Castellammare di Stabia 20 ottobre 2018 #Tridentina Campania 1

#Tridentina Campania, organizzata dai coetus fidelium della Campania e da Una Voce Napoli, ha riunito sabato 20 ottobre 2018 a Castellammare di Stabia, nell’arcidiocesi di Sorrento-Castellammare, i gruppi stabili di fedeli che chiedono la Messa a Napoli, Salerno, Benevento, Bacoli e della stessa Castellammare.

Don Nicola Bux ha celebrato nella chiesa del Gesù la Messa solenne, accompagnata dal coro delle suore del Cuore Immacolato di Maria di Frigento (Avellino). Presente alla funzione una folta delegazione di cavalieri di Malta. Al termine nel museo diocesano don Antonio Cioffi dell’Istituto di Scienze Religiose della diocesi di Sorrento-Castellammare e lo stesso don Bux hanno tenuto una conferenza dal titolo “La liturgia, fonte e culmine della vita cristiana”.

“La celebrazione odierna – così Bux – mette il prete al centro con la sua sede: è diventata una liturgia versus presbyterium, non più versus Deum! Il sacerdote è diventato più importante della croce, dell’altare, e del tabernacolo. Impariamo dalla liturgia orientale e dalla Messa antica – ritenuta a torto clericale –, in cui la cattedra del vescovo e del celebrante stanno a destra e a sinistra dell’altare, in modo da non dare le spalle e da permettere di guardare lo stesso altare e la croce, insieme il grande segno di Cristo, e nello stesso tempo di essere in testa all’assemblea dei fedeli”.

S. Em.za il card. Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, ha inviato la propria benedizione insieme con un messaggio ai partecipanti a #Tridentina Campania, in cui scrive: “Sono certo che l’iniziativa costituirà un arricchimento per tutti, favorendo ancora di più il vostro cammino di crescita umana e cristiana”.

Castellammare di Stabia 20 ottobre 2018 #Tridentina Campania 2  Castellammare di Stabia 20 ottobre 2018 #Tridentina Campania 3

Castellammare di Stabia 20 ottobre 2018 #Tridentina Campania 4  Castellammare di Stabia 20 ottobre 2018 #Tridentina Campania 5

Pubblicato il Senza categoria | Taggato come , , , , , | Commenti disabilitati su A Castellammare di Stabia il 20 ottobre 2018 si è tenuto l’incontro #Tridentina Campania

Nel trigesimo di Giamberto Scorzon

Il 1° ottobre 2018 alla chiesa di S. Canziano a Padova è stata cantata una Messa per trigesimo di Giamberto Scorzon, per le cure del Comitato San Canziano pro Missa Tridentina (cfr. qui). Prima del l’assoluzione è stato il seguente ricordo.

Dopo una grave malattia sopportata con eroica pazienza e con incrollabile fede, il professor Giamberto Scorzon circondato dall’affetto dei suoi cari, sostenuto e corroborato dai conforti religiosi, ha reso l’anima al suo Creatore con la fede e la speranza nella salvezza che ogni creatura è chiamata ad avere.

Doverosa è questa solenne preghiera di suffragio che i membri del comitato pro missa e i fedeli della nostra chiesa di S. Canziano offrono per quest’anima preziosa che per più di tre decenni si è spesa per la celebrazione della messa secondo il messale del 1962.

Il professor Scorzon, nello spirito proprio e più autentico della tradizione, con la forza che gli veniva dalla preghiera e dall’abbandono alla Provvidenza divina, sentendo sfiorire le forze, decise di trasmettere il testimonio della messa di S. Canziano confidando nel celeste aiuto e dando a piene mani fiducia al neo-costituito comitato cui aderì, e che sostenne aprendo financo le porte della sua casa con paterna benevolenza.

E’ in questa sede che con infinita gratitudine e mal celata commozione, siamo a rendere a Giamberto Scorzon il saluto che egli merita, con la messa che egli ha voluto ininterrottamente celebrata, con le parole che nei secoli sempre hanno risuonato nei luoghi della fede dei padri, e che nella miseria dell’umana condizione, sempre sono state di monito e di sicuro conforto.

Così come ci ha preceduto e insegnato la strada della tradizione cattolica, assicurandoci la celebrazione dei divini misteri e in particolare del sublime Sacrificio di nostro Signore, anche in questa vita ci ha mostrato e insegnato la centralità dei valori di pertinacia e sobrietà cui era indiscutibilmente uso.

Lo affidiamo inoltre specialmente alla Gran Madre di Dio Maria Santissima, e in particolare alla Vergine di Pompei che in questa Chiesa è venerata, di cui egli stesso voleva che fosse acceso sempre il lume, perché con la sua potente intercessione possa assicurarlo alla visione beatifica.

Cfr. Coordinamento di Una Voce delle Venezie unavoce-ve.it

Pubblicato il Senza categoria | Taggato come , | Commenti disabilitati su Nel trigesimo di Giamberto Scorzon